Matrimonio salva il cuore dall'infarto: single e divorziati più a rischio per ictus e malattie cardiovascolari

Il matrimonio salva il cuore dall'infarto: single e divorziati più a rischio per ictus e malattie cardiovascolari
Il matrimonio? Un vero toccasana per il cuore e per le malattie cardiovascolari in genere. Per allontanare ictus e infarti la medicina preventina migliore è trovare l'amore e andare a vivere sotto lo stesso tetto. Lo rivela un ampio studio pubblicato sulla rivista Heart e condotto da Mamas Mamas del Cardiovascular Research Group presso la Keele University(GB). Gli esperti hanno ri-analizzato dati relativi a oltre 2 milioni di persone in diversi paesi del mondo, raccolti in molte decine di studi già pubblicati. È emerso che I single, i divorziati e i vedovi hanno un rischio maggiore .rispetto alle persone sposate, chi non lo è (perché mai sposato o divorziato o vedovo) ha un rischio più elevato di sviluppare malattie cardiovascolari (+42%) e in particolare malattia delle arterie che ossigenano il cuore, le coronarie (+16%). Il non essere sposati è stato anche associato a un più elevato rischio di morte per malattia delle coronarie (+42%) e ictus (+55%).

L'analisi mostra inoltre che il divorzio è associato a un rischio del 35% maggiore di soffrire di malattie cardiovascolari e l'essere vedovi al 16% in più di rischio di ictus. Le malattie cardiovascolari sono per l'80% collegate a fattori di rischio noti che vanno dall'età al sesso, alla pressione alta, all'eccesso di colesterolo, al diabete e al fumo; non è chiaro cosa si nasconda dietro il restante 20% dei casi, concludono gli autori. È possibile (ma va appurato con futuri studi) che lo stato civile di un individuo sia di per sé un fattore di rischio cardiovascolare, in grado di spiegare almeno una parte di questi casi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 19 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 11:19
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti