Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaccino obbligatorio a docenti e forze dell'ordine dal 15 dicembre: sospensione e niente stipendio per chi è senza

Vaccino obbligatorio a docenti e forze dell'ordine dal 15 dicembre: sospensione e niente stipendio per chi è senza
3 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Novembre 2021, 10:33 - Ultimo aggiornamento: 27 Novembre, 09:52

Chi non si vaccina non lavora. Dal 15 dicembre la regola, finora valida per il personale sanitario, riguarderà gli insegnanti (ma anche dirigenti scolastici, il personale amministrativo, tecnico e ausiliario delle e le forze di polizia. Con l’entrata in vigore del decreto approvato in consiglio dei ministri mercoledì, per queste categorie, e anche per il personale non sanitario del comparto salute, non basterà più il tampone per andare al lavoro e il vaccino diventa praticamente obbligatorio. E per chi avesse compiuto già i due cicli sarà obbligatoria la terza dose.

Super Green pass, zona bianca, gialla e arancione: cosa cambia per vaccinati e No vax

Vaccino bambini 5-11 anni, il Green Pass servirà anche a loro? Sileri: «I piccoli più esposti al Long Covid»


SOSPENSIONE

L’inadempimento dei nuovi obblighi, si legge nel decreto, determina l’immediata la sospensione dal diritto di svolgere l’attività lavorativa, ma non sono  previste  conseguenze disciplinari e chi scegliesse di non vaccinarsi avrà diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per il periodo di sospensione, non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominati. «La sospensione è efficace fino alla comunicazione da parte dell’interessato al datore di lavoro dell’avvio e del successivo completamento del ciclo vaccinale primario o della somministrazione della dose di richiamo, entro i termini previsti e comunque non oltre sei mesi dalla data di entrata in vigore del decreto». La stretta era aera prevista, a causa dell’aumento dei contagi in tutta Europa e in molte Regioni, soprattutto al Nord. E in modo particolare nelle scuole.


I NUMERI
Attualmente solo il 5,8% del personale scolastico non si è ancorasottoposto al vaccino. Mentre i tra le forze dell'ordine i numeri sono più alti. Tra i 98 mila agenti di polizia circa 10 mila sono contrari all'immunizzazione,  mentre tra le Forze Armate in 44 mila non hanno ancora fatto il vaccino, con una percentuale del 16%. Nella polizia penitenziaria ce ne sono invece 12 mila e la percentuale è molto alta: il 30%. La misura varata dal governo dovrebbe riguardare circa due milioni di personedue milioni di persone. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA