Stress sul lavoro? Con il metodo EMDR si può trasformare in produttività. Ausilio: «Risultati certificati»

Venerdì 20 Maggio 2022
Stress sul lavoro? Con il metodo EMDR si può trasformare in produttività. Ausilio: «Risultati certificati»

Quante volte si ha voglia di mollare tutto perché il peso di portare avanti un’azienda o uno studio professionale sembra eccessivo? “Più di quanto si immagini -spiega Roberto Ausilio, psicologo della salute, formatore e psicoterapeuta. Soprattutto oggi in Italia, lo stress da lavoro e, quindi, dalle responsabilità che ne derivano è uno degli elementi più comuni. Nella mia attività, da circa 20 anni, riscontro che queste tensioni, assolutamente negative, influiscono in modo significativo sulla produttività e sulla serenità delle persone. Ma esiste per fortuna un metodo che dà risultati certificati”.

Il metodo si chiama EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) che, tradotto in italiano, significa “desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari”. “EMDR -dice Ausilio- è un approccio inizialmente psicoterapeutico, interattivo e standardizzato, scientificamente comprovato da più di 44 studi randomizzati e controllati, condotti su persone che hanno subito stress post-traumatico. Un metodo che solo di recente è stato introdotto in ambito aziendale e aiuta imprenditori e professionisti, con un ciclo di consulenze online, a riprendere il controllo della propria vita e della gestione del tempo per essere nuovamente produttivi e creativi, senza più farsi schiacciare dallo stress”.

I dati del resto sono significativi: la condizione di stress interessa circa il 22% dei lavoratori in Europa e una percentuale compresa tra il 50% e il 60% delle giornate lavorative perse in un anno è correlata proprio a tale motivo. Lo stress inoltre comporta costi significativi sia per le organizzazioni sia per le economie nazionali. Dalla relazione dell’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro emerge che il costo economico dello stress legato alla attività lavorativa in Europa è pari a 20 miliardi di euro ogni anno (costi legati alla perdita di produttività, assenteismo per malattia, assistenza sanitaria).

Gli imprenditori e i professionisti sono soggetti altamente vulnerabili al disagio psicologico, primi fra tutti depressione e tendenza all’isolamento, seguiti da ansia, stress e ruminazione mentale. Le pressioni psicologiche sono notevoli, così come le responsabilità e la paura del fallimento. Dover svolgere spesso mansioni molto diverse tra loro, sentirsi soli nel prendere decisioni difficili e continue, orari di lavoro spesso massacranti e il peso di avere altre persone che dipendono da te e dall’andamento del business, può portare ad un carico eccessivo di tensioni. Con dei sintomi ben evidenti: insonnia, difficoltà di addormentamento o risvegli precoci o al contrario ipersonnia, difficoltà a concentrarsi, scarsa memoria, irritabilità, liti frequenti e attriti con gli altri, problemi gastro intestinali, problemi psicosomatici come tensioni muscolari, stanchezza, mancanza di vitalità e di motivazione, tendenza a mangiare o bere eccessivamente.

“Se dunque non vengono risolte le emozioni negative che derivano da esperienze spiacevoli, diventano -chiarisce Ausilio- delle spine nel fianco che tolgono energia, produttività e creatività. Pensiamo a un professionista che ha scarsa autostima o un’ansia eccessiva. Come sarà la qualità del suo lavoro e quindi della sua vita? Come tratterà con i clienti e i colleghi? Quante opportunità brucerà per non essersi sentito all’altezza delle situazioni? Quando risolviamo lo stress negativo grazie ad un percorso di coaching EMDR, i benefici personali sono enormi, in termini di qualità della vita perché si ha più buonumore, entusiasmo e vitalità. Si riesce ad avere una visione chiara, a stabilire buoni obiettivi, lavorare con efficacia ed efficienza. Quando siamo felici e liberi da tensioni, riusciamo a produrre molto di più e in minor tempo. Con il trattamento EMDR, che si focalizza proprio sull'evento stressante e, mediante l'utilizzo di movimenti oculari, si pone l'obiettivo di desensibilizzare tali ricordi, lo stress si trasforma in carica e motivazione a fare meglio. Ci ricordiamo del perché facciamo questo lavoro e al beneficio che procuriamo agli altri”.

Quando l’imprenditore è sereno e sa gestire il suo carico emotivo e di stress, il clima in azienda migliora e ogni singolo ingranaggio del motore produttivo può tirar fuori il meglio delle proprie potenzialità. “Pensieri, preoccupazioni, incertezza del futuro, grandi responsabilità, stress dal prendere decisioni continue e spesso difficili -afferma ancora Ausilio- sono pane quotidiano per gli imprenditori e i professionisti. In questa fase di incertezza da Covid prima e da guerra ora, la ruminazione mentale diventa spesso un problema per chi deve imparare a bilanciare il lavoro con la vita privata, abbassando il freno a mano, vivendo la miglior vita possibile, nel giusto equilibrio”. Lo stress sopra certi livelli è pericoloso anche per la nostra salute e l’adrenalina che produciamo rende le nostre prestazioni totalmente scadenti. Per cui, soprattutto ai lavoratori ad alte prestazioni ai quali si chiede di dare ogni giorno il massimo delle potenzialità, manca la verve che dà la possibilità di esprimersi al top. Ma la buona notizia, secondo Ausilio, è che lo stress si può gestire e che possiamo imparare a non lasciarci schiacciare da questa onda anomala ma, anzi, dobbiamo imparare a surfare sopra di essa. “Lo stress -spiega- non deve mai essere visto come una zavorra ma come un trampolino di lancio. Una possibilità per ribaltare il nostro modo di vedere e affrontare la vita. Può e deve aprire la strada della rinascita”.

Imprenditori e professionisti felici e realizzati non sono un’utopia. Bastano circa 10 sedute online per sbloccare definitivamente la maggior parte delle situazioni che avevano portato il professionista o l’imprenditore ad avere problemi di ansia, insonnia, depressione, demotivazione e calo della creatività e produttività. Con l’utilizzo del nuovo metodo psicologico che integra EMDR e strategie di coaching avanzato, l’imprenditore si riprende la propria vita, ricomincia a godersi le giornate e il piacere di avere più tempo a disposizione per se stesso e per i propri interessi. “Vedere tornare il sorriso sui volti degli imprenditori -conclude Ausilio- è la mia più grande soddisfazione, perché quel sorriso sarà contagioso e provocherà benessere anche a tante altre persone, dipendenti, figli, familiari e amici. Mi piace creare un’onda d’urto positiva liberando le persone dall’ansia e dallo stress, per vivere finalmente senza freno a mano”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA