Il Long Covid fa male al cuore, dall'ischemia alla trombosi: le malattie dopo la fase acuta. Ecco come prevenirle

Una ricerca della Washington University di Saint Louis negli Usa ha individuato i numerosi effetti negativi che il virus scatena sul sistema cardiovascolare

Il Long Covid fa male al cuore, dall'ischemia alla trombosi: le malattie dopo la fase acuta. Ecco come prevenirle
Il Long Covid fa male al cuore, dall'ischemia alla trombosi: le malattie dopo la fase acuta. Ecco come prevenirle
di Antonio G.Rebuzzi*
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Novembre 2023, 21:35 - Ultimo aggiornamento: 16 Novembre, 00:36

Il Coronavirus, come storicamente parecchie pandemie, ha portato in eredità patologie post-acuzie che si sono prolungate nel tempo. Il Long Covid consiste in una serie di malattie a lungo termine che seguono la fase acuta dell’infezione respiratoria e che possono coinvolgere numerosi apparati tra cui, non ultimo, quello cardiovascolare. 

L’ISCHEMIA

In un recente numero dell’European Heart Journal, Ziyad Al-Aly del Clinical Epidemiological Center della Washington University di Saint Louis (USA) ha pubblicato un articolo sull’impatto del Long Covid nei soggetti che hanno avuto l’infezione acuta.

Si stima che attualmente Long Covid colpisca almeno 65 milioni di persone nel mondo. Il cuore è sicuramente coinvolto nella patologia del Long Covid con complicazioni quali l’ischemia miocardica acuta o cronica, aritmie di vario grado e pericolosità, disautonomia (con possibile tachicardia al passaggio da una posizione supina a quella eretta), ed inoltre eventi tromboembolici o anche infiammatori quali la pericardite o la miocardite. Il rischio di tali patologie si può prolungare durante il primo anno post Covid, specialmente nei soggetti in cui l’infezione virale è stata severa o in quelli con precedenti patologie croniche come diabete, obesità, malattie renali ecc.

La pandemia da Covid-19 ha accelerato il declino mentale negli over 50: «Effetti duraturi sul cervello causa lockdown»

Come prevenire o curare il Long Covid? Il ruolo della vaccinazione è fondamentale. Infatti è stato abbondantemente dimostrato che essa risulta decisiva nel ridurre il rischio del Long Covid. Vi sono però notevoli differenze, tra i vari studi, sulla percentuale di tale riduzione che può andare dal 15% al 50% ma che non elimina mai del tutto il rischio e le complicanze del Long Covid. C’è una chiara evidenza che, oltre alla vaccinazione, l’utilizzo dei farmaci antivirali durante la fase acuta dell’infezione da Covid-19, può ridurre in maniera significativa l’insorgenza del Long-Covid e di tutte le patologie ad esso correlate.

LE COMPLICAZIONI

Anche in questo caso le percentuali di riduzione variano a seconda degli studi e dei farmaci. 
Per quanto riguarda comunque le complicazioni cardiovascolari, in particolare cardiopatia ischemica o aritmie, si è constatata una riduzione del 26%- 29% con l’utilizzo di vari farmaci antivirali. Per quanto riguarda comunque le complicazioni cardiovascolari, in particolare cardiopatia ischemica o aritmie, si è constatata una riduzione del 26%- 29% con l’utilizzo di vari farmaci antivirali. Da notare però che, nonostante il progresso registrato nella comprensione dell’epidemiologia e della fisiopatologia alla base del Long Covid, ed anche del come poterlo prevenire, attualmente non abbiamo ancora una cura specifica, per cui le varie patologie, ed in particolare quelle cardiovascolari, vanno comunque trattate come se non fossero una sequela del Covid.
Il Long Covid e la sua crescente importanza dovrebbe insegnare a tutti noi che il Covid è più di una transitoria malattia respiratoria, ma può generare danni di lunga durata e talora permanenti al sistema cardio-respiratorio. Vaccini, antinfiammatori e antivirali si sono rivelati armi importanti per prevenzione e terapia. Sta a noi utilizzarli al meglio.

*Professore di Cardiologia, Università Cattolica, Roma

© RIPRODUZIONE RISERVATA