Covid, il report Iss: indice Rt sale a 0,93. Terapie intensive sotto soglia critica per la prima volta da ottobre

Covid, il report Iss: indice Rt sale a 0.93, ma terapie intensive sotto soglia critica per la prima volta da ottobre
Covid, il report Iss: indice Rt sale a 0.93, ma terapie intensive sotto soglia critica per la prima volta da ottobre
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Dicembre 2020, 23:08 - Ultimo aggiornamento: 23:59

L'indice Rt nazionale sale a 0,93. In aumento per la terza settimana consecutiva. È quanto emerge dalla bozza del monitoraggio della cabina di regia dell'Iss-ministero, per il periodo di riferimento 22-27 dicembre. La scorsa settimana l'indice Rt nazionale era a 0,90.

«Le aumentate mobilità e interazione interpersonale tipica della socialità di questa stagione potrebbero determinare un aumento rilevante della trasmissione di SARSCoV-2», si legge nel report. «Questo comporterebbe un conseguente rapido aumento dei casi a livelli potenzialmente superiori rispetto a quanto osservato a novembre in un contesto in cui l'impatto dell'epidemia sugli operatori sanitari, sui servizi e sulla popolazione è ancora significativamente elevato».

LEGGI ANCHE Vaccino, niente obbligo: ma spunta il patentino per hotel, voli e palestre

Ancora restrizioni in Calabria, Liguria e Veneto

Le regioni Calabria, Liguria e Veneto hanno un Rt puntuale compatibile con uno scenario tipo 2. Questo «desta particolare preoccupazione e pertanto si esorta a considerare di applicare le misure previste, per i livelli di rischio attribuiti, anche alla fine di queste festività». Lo afferma la bozza di monitoraggio Iss-ministero Salute.

 

Terapie intensive sotto soglia critica per la prima volta da ottobre

Si osserva una diminuzione generale dell'impatto dell'epidemia nei servizi assistenziali, con i tassi di occupazioni dei posti letto in terapia intensiva e aree mediche sotto la soglia critica a livello nazionale per la prima volta dalla fine di ottobre. Comunque, ancora 10 Regioni/PPAA hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e/o aree mediche sopra la soglia critica. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA