Covid, Oms: «A Wuhan maxi diffusione del virus a dicembre 2019, c'erano già 13 varianti»

Martedì 16 Febbraio 2021
Oms ha trovato conferma di una diffusione molto estesa del virus a Wuhan a dicembre 2019: c'erano già 13 varianti

Gli investigatori dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che indagano sulle origini del coronavirus in Cina hanno scoperto segni che l'epidemia era molto più ampia a Wuhan nel dicembre 2019 di quanto si pensasse in precedenza, e stanno cercando urgentemente l'accesso a centinaia di migliaia di campioni di sangue della città che la Cina non ha finora lasciato loro esaminare. L'emittente statunitense CNN è riuscita ad avere un colloquio in esclusiva con l'investigatore principale della missione dell'OMS, Peter Ben Embarek (nella foto). Nell'intervista dice che la missione ha trovato diversi segnali che riguardano una diffusione più ampia del 2019: c'erano oltre una dozzina di ceppi del virus a Wuhan già a dicembre.

 

Il team ha anche avuto la possibilità di parlare con il primo paziente che i funzionari cinesi hanno detto essere stato infettato, un impiegato sulla quarantina, senza storia di viaggio degna di nota, segnalato infetto l'8 dicembre. Il lento emergere di dati più dettagliati raccolti durante l'atteso viaggio dell'OMS in Cina può aggiungersi alle preoccupazioni espresse da altri scienziati che studiano le origini della malattia che potrebbe essersi diffusa in Cina molto prima della sua prima comparsa ufficiale a metà dicembre. Ben Embarek, che è appena tornato in Svizzera da Wuhan, ha detto alla CNN: «Il virus circolava ampiamente a Wuhan a dicembre, il che è una nuova scoperta». Lo specialista della sicurezza alimentare dell'OMS ha aggiunto che gli scienziati cinesi hanno presentato 174 casi di coronavirus a Wuhan e dintorni nel dicembre 2019. Di questi 100 erano stati confermati da test di laboratorio, ha detto, e altri 74 attraverso la diagnosi clinica dei sintomi del paziente.

Ben Embarek ha detto che era possibile che questo numero fosse più alto.

Lo spettro della variante inglese

Ben Embarek ha detto che la missione - che comprendeva 17 scienziati dell'OMS e 17 cinesi - ha potuto raccogliere per la prima volta 13 diverse sequenze genetiche del virus SARS-COV-2 del dicembre 2019. Le sequenze, se esaminate con dati più ampi sui pazienti in Cina in tutto il 2019, potrebbero fornire indizi preziosi sulla geografia e sui tempi dell'epidemia prima di dicembre. Ben Embarek ha detto: «Alcuni di loro provengono dai mercati... Alcuni non sono legati ai mercati», che include il mercato dei frutti di mare Huanan a Wuhan, che si pensa abbia avuto un ruolo nella prima diffusione del virus.

Ben Embarek ha rifiutato di trarre conclusioni su ciò che i 13 ceppi potrebbero aver significato per la storia della malattia prima di dicembre. Ma la scoperta di così tante diverse possibili varianti del virus potrebbe suggerire che era in circolazione da più tempo di quel mese, come alcuni virologi hanno precedentemente suggerito. Questo materiale genetico è probabilmente la prima prova fisica che emerge a livello internazionale per sostenere tale teoria.

Variante inglese, l’Iss chiede il giro di vite. Gelmini: sì al rigore se necessario

Il Prof. Edward Holmes, un virologo dell'Università di Sydney, in Australia, ha detto: «Poiché c'era già una diversità genetica nelle sequenze di SARS-CoV-2 campionate da Wuhan nel dicembre 2019, è probabile che il virus stesse circolando per un po' più a lungo di quel solo mese».

Holmes, che ha studiato a lungo l'emergenza del virus, ha detto che queste 13 sequenze potrebbero indicare che il virus si è diffuso per qualche tempo senza essere rilevato prima dell'epidemia di dicembre a Wuhan. «Questi dati si adattano ad altre analisi che dicono che il virus è emerso nella popolazione umana prima del dicembre 2019 e che c'è stato un periodo di trasmissione criptica prima che fosse rilevato per la prima volta nel mercato di Huanan». Il team dell'OMS ha tenuto una conferenza stampa di tre ore insieme alle loro controparti cinesi a Wuhan per presentare i loro risultati la scorsa settimana. Da allora, più dettagli sono lentamente emersi riguardo ai dati precisi a cui hanno - e a volte non hanno - avuto accesso. Ben Embarek ha detto che la missione ha ricevuto l'analisi degli scienziati cinesi di 92 casi sospetti di Covid-19 da ottobre e novembre 2019 - pazienti che avevano sintomi simili al Covid ed erano gravemente malati. Il team dell'OMS ha chiesto a questi 92 di essere testati nel gennaio di quest'anno per gli anticorpi. Di questi, 67 hanno accettato di essere testati e tutti sono risultati negativi, ha detto Ben Embarek. Ha aggiunto che sono necessari ulteriori test perché non è chiaro se gli anticorpi rimangono negli ex pazienti del Covid-19 fino a un anno dopo.

Le scelte da fare/L’inefficacia del lockdown se non ci sono altre misure

Il team dell'Oms vorrebbe tornare in Cina per esaminare urgentemente i campioni biologici che gli esperti dicono non erano disponibili per loro in questo primo viaggio, in particolare migliaia di campioni dalla banca dei donatori di sangue di Wuhan che risalgono a due anni fa. «Ci sono circa 200.000 campioni disponibili che sono ora al sicuro e potrebbero essere utilizzati per una nuova serie di studi», ha detto Ben Embarek. 

 

Ultimo aggiornamento: 11:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA