Covid, carica virale altissima nell'80% dei positivi. «Una nuova infezione è attiva»

Covid, carica virale altissima nell'80% dei positivi. «Una nuova infezione è attiva»
Covid, carica virale altissima nell'80% dei positivi. «Una nuova infezione è attiva»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Ottobre 2020, 17:11 - Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre, 00:52

Sta salendo a livelli molto elevati la carica virale, ossia il numero delle copie di materiale genetico del nuovo coronavirus presenti in un millilitro di materiale biologico prelevato con il tampone, tanto che «nell'80% dei casi positivi è ormai superiore a un milione», ha detto all'Ansa il virologo Francesco Broccolo, dell'Università Milano Bicocca e direttore del laboratorio Cerba di Milano.

LEGGI ANCHE Covid, Ricciardi: «Coprifuoco inutile, servono decisioni rapide e forti ma la politica ha paura»

«Spessissimo - ha aggiunto - la carica virale è anche più elevata, fino a miliardi in soggetti fra 30 e 60 anni asintomatici o sintomatici». Il dato indica che le infezioni sono recenti: «Una carica virale molto alta - ha osservato Broccolo - è indice di una nuova infezione attiva». Indica cioè che «l'infezione è recente e primaria, ossia che non persiste da mesi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA