Covid, non tristi ma senza gioia: è il “languore” post coronavirus

Giovedì 29 Aprile 2021 di Mario Ajello
Covid, non tristi ma senza gioia: è il languore post coronavirus

Dovremmo mangiare tonnellate di bistecche di tigre. Per darci la forza di essere determinati, fattivi, combattivi. Per trovare le energie della battaglia che ora cominciamo a combattere: quella della post-pandemia, della ripresa e del rilancio, individuale e collettivo, personale e nazionale, dopo tanta paura, tanto stress, tanto dolore a cui il virus ci ha costretto. Ci siamo accucciati nel nostro bozzolo domestico, nel giro familiare e...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 30 Aprile, 10:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA