Avocado arma contro obesità e diabete. «Incredibili proprietà del guacamole»

Mercoledì 30 Ottobre 2019
Dieta, avocado arma contro obesità e diabete. I ricercatori: «Alimento eccezionale per i disturbi metabolici»

Uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell'Università di Guelph (Canada), ha individuato nell'ingrediente principe del guacamole la chiave per contrastare l'obesità e ritardare o prevenire il diabete. Per la prima volta i ricercatori, guidati da Paul Spagnuolo, hanno dimostrato come un composto presente solo nell'avocado possa inibire i processi cellulari che normalmente portano al diabete. Nei test di sicurezza sull'uomo, il team ha anche scoperto che la sostanza è stata assorbita nel sangue senza effetti avversi a livello renale, epatico o muscolare. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition and Food Research.

Ecco tutto il necessario per coltivare questa passione

Leggi anche Melograno, i benefici per l'organismo sono tanti (ma occhio alle controindicazioni)


I ricercatori canadesi hanno scoperto che l'avocatina B (AvoB), una molecola grassa presente solo nell' avocado, contrasta l'ossidazione incompleta nel muscolo scheletrico e nel pancreas per ridurre l'insulino-resistenza. Nello studio, il team ha alimentato topi con diete ricche di grassi per otto settimane per indurre obesità e resistenza all'insulina. Per le successive cinque settimane, i ricercatori hanno aggiunto AvoB all'alimentazione super-grassa di metà degli animali.

Leggi anche Mangiare salato danneggia il cervello, il trucco per eliminare il sale in eccesso
 


Risultato? I topi trattati pesavano significativamente meno di quelli del gruppo di controllo, mostrando un aumento di peso più lento. Inoltre, cosa ancora più importante, i roditori trattati hanno mostrato una maggiore sensibilità all'insulina. Inoltre in uno studio clinico sull'uomo, AvoB somministrato come integratore alimentare a persone seguivano una tipica dieta occidentale è stato assorbito in modo sicuro nel sangue senza influire sui reni, sul fegato o sulla loro salute in generale. Il team ha visto anche riduzioni di peso nei soggetti, sebbene Spagnuolo abbia affermato che il risultato non fosse statisticamente significativo. Avendo dimostrato la sicurezza di questa sostanza nell'uomo, ora i ricercatori hanno in programma di condurre studi clinici per testarne l'efficacia nel trattamento dei disturbi metabolici.

Ultimo aggiornamento: 31 Ottobre, 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA