Vaccino nel Lazio per gli over 80: «Ai malati più gravi il siero anche a casa»

Piano per gli over 80 «Ai malati più gravi il siero anche a casa» `
Piano per gli over 80 «Ai malati più gravi il siero anche a casa» `
di Camilla Mozzetti
4 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Febbraio 2021, 07:36 - Ultimo aggiornamento: 07:39

Per velocizzare le somministrazioni agli over 80 e garantire le inoculazioni anti Covid ai pazienti che non possono raggiungere i centri vaccinali della Regione - perché affetti, ad esempio, da patologie invalidanti - scendono in campo i medici di famiglia. Il progetto è in fase di ultimazione e a breve arriverà un protocollo, sottoscritto dalla Federazione italiana dei medici di medicina generale e dai vertici della sanità laziale, che prevede la somministrazione domiciliare dei vaccini Pfizer e Moderna anche da parte del medico curante.

Vaccini a Roma, stazione Termini sarà nuovo hub. Al via le prenotazioni dei professori


«La situazione è questa - spiega il segretario regionale della Fimmg Alberto Chiriatti - molti nostri mutuati anziani che non possono uscire di casa, perché ad esempio sono costretti a vivere a letto, hanno chiesto la possibilità di essere vaccinati dal proprio medico e quindi abbiamo avviato un dialogo con la Regione essendo molti di noi disponibili al compito che velocizzerebbe anche le vaccinazioni degli over 80». A ieri gli anziani che nel Lazio avevano effettuato una prenotazione per ricevere il vaccino a domicilio erano circa 14 mila quelli già immunizzati 3 mila. Le Asl stanno ricontattando le persone in attesa per effettuare un triage telefonico e valutare se ci sono le condizioni per confermare o meno la prestazione domiciliare che ad oggi viene garantita dalle Uscar, le Unità speciali di continuità assistenziale. Le forze in campo però sono limitate a 200 unità e dunque a fronte di un numero elevato di richieste c'è il rischio di far aspettare molto gli anziani che non possono recarsi nei centri vaccinali.

 


IL METODO


«Su 4.600 medici di famiglia - conclude Chiriatti - 1.300 hanno già dato la disponibilità a prendersi in carico i propri pazienti che non possono uscire. Il meccanismo a cui stiamo lavorando è questo: ogni medico potrà ritirare giornalmente i vaccini Pfizer o Moderna negli hub regionali e recarsi a casa del proprio assistito. Considerati i tempi, compresa l'osservazione del paziente dopo la vaccinazione, ogni giorno potrebbero essere immunizzati almeno 6 anziani». Che a conti fatti, con la disponibilità certa dei vaccini, significherebbe coprire più di 54 mila anziani in una sola settimana oltre a quelli che ricevono il siero nei centri hub regionali. Gli over 80 immunizzati finora sono 60 mila a fronte di 266 mila prenotazioni. E intanto il virus sembra voler dare una tregua. I dati dell'ultimo bollettino regionale sono incoraggianti: ieri si sono registrati 871 nuovi positivi, 23 in meno su martedì con un aumento però dei tamponi effettuati. Purtroppo crescono i decessi: 55, ovvero più 23 sul giorno precedente ma a Roma l'incidenza del Covid-19 si ferma a 349 nuovi casi, 225 in meno rispetto a martedì. Migliora anche la situazione delle Terapie intensive: da 253 ricoverati il 16 febbraio si è passati a 239.

Vaccini, l'Europa in pressing su Pfizer: «Fate produrre le dosi in Italia»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA