Roma elezioni, depositate le prime liste per il Comune. La guida al voto

Il Campidoglio, che ospita il sindaco di Roma e l'Assemblea capitolina
Il Campidoglio, che ospita il sindaco di Roma e l'Assemblea capitolina
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Settembre 2021, 16:39 - Ultimo aggiornamento: 17:34

Il rush ci sarà domani, ma da questa mattina la macchina elettorale per la scelta del prossimo sindaco di Roma è entrata nel vivo. I partiti in corsa per il Campidoglio hanno iniziato a presentato le liste per l'Aula Giulio Cesare e i quindici Municipi, in attesa dall'ultima scadenza di domani.

LE LISTE A un mese esattamente prima dell'apertura dei seggi per il primo turno, oggii, 3 settembre, dalle 8 e le 20, e domani, venerdì 4 settembre, dalle 8 alle 12, è iniziata la processione in via Petroselli per depositare le candidature dei primi cittadini, quelle dei minisindaci e soprattutto le liste che concorrono per la prossima consiliatura in Aula Giulio Cesare e nei Municipi. Ogni lista sarà composta tra 32 e 48 aspiranti consiglieri. 

I CANDIDATI Al momento sono undici i candidati per il Campidoglio. Virginia Raggi, la sindaca uscente, non sarà appoggiata soltanto dal Movimento Cinquestelle, ma anche da altre 4 liste civiche. Tra queste, una che porta il suo nome e che pesca nella società civile, un'altra composta da ambientalisti e un'altra ancora con esponenti del mondo dello sport. L'ultima, invece, sarà tutta al femminile.

Il centrosinistra schiera l'ex ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri. Sette le liste che l'appoggiano: la principale è quella del Partito democratico, mentre Gualtieri spera di recuperare consensi tra i moderati con una civica che porta il suo nome. A sostenerlo anche Sinistra civica ecologista (nata dall'unione di Liberare Roma, Sinistra per Roma, Sinistra italiana, Articolo Uno, Partito socialista italiano, È Viva), Roma Futura, Psi, i Verdi e Demos.

Enrico Michetti, invece, corre per il Centrodestra. Con l'avvocato-tribuno otto liste: una civica che porta il suo nome, poi quelle dei partiti della coalizione (Fratelli d’Italia, Lega per Salvini, Forza Italia,Rinascimento – Cambiamo con Toti), quindi Cantiere Italia, Democrazia del popolo e Rivoluzione animalista. Carlo Calenda, ex ministro dello Sviluppo, non ha voluto altre liste oltre a quella di Azione. Ma con lui saranno candidati anche esponenti vicini alla renziana Italia Viva.

Tra gli altri sfidanti, il Partito comunista di Marco Rizzo punta su Micaela Quintavalle, sindacalista ed ex autista Atac, mentre Fabiola Cenciotti corre per il Popolo della Famiglia di Mario Adinolfi. Dalla galassia dei fuoriusciti Cinquestelle la senatrice Margherita Corrado (Attiva Roma, che vede in campo anche l'ex consigliera raggiana Gemma Guerrini), l'urbanista ed ex assessore Paolo Berdini (Rifondazione) e Monica Lozzi, attuale presidente del VII Municipio e alla testa di "Rivoluzione civica".

Fabrizio Marrazzo guida la lista del Partito Gay, Andrea Bernaudo i Liberisti Italiani e Rosario Trefiletti, dal mondo dei consumatori, L'Italia dei Valori, Elisabetta Canitano Potere al popolo.

LE URNE A Roma, come nelle altre città coinvolte nella prossima tornata elettorale, i seggi si apriranno il 3 (dalle 7 alle 23) e il 4 ottobre (dalle 7 alle 15). In caso di ballottaggio, si torna a votare il 17 e il 18 ottobre. Nelle stesse giornate si vota anche per i presidenti dei quindici Municipi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA