Luca Sacchi è stato ucciso da due scippatori italiani: sono fuggiti su una Smart

Giovedì 24 Ottobre 2019
Luca Sacchi è stato ucciso da due scippatori italiani: sono fuggiti su una Smart

È caccia ai due uomini che nella serata di ieri hanno brutalmente ucciso con un colpo di pistola alla testa Il 24enne Luca Sacchi davanti ad un pub di Roma. Dalle testimonianze raccolte finora sembra parlassero con accento romano. Sul caso indagano i carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma. A quanto ricostruito, la vittima e la ragazza erano in compagnia di due amici quando è avvenuta la rapina culminata in tragedia. Nello zaino della 25enne qualche decina di euro ed effetti personali. Al vaglio le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza della zona e il racconto dei testimoni.

Luca Sacchi ucciso a Roma durante uno scippo: cosa sappiamo
Luca Sacchi ucciso a Roma, Salvini: «Male i tagli alla sicurezza». Conte: «Falso, miserabile speculare»
 

 

«Eravamo appena usciti dal pub. Mi sono sentita strattonare da dietro, mi hanno detto: "dacci la borsa". Gliela stavo consegnando quando mi hanno colpito con una mazza. A questo punto è intervenuto Luca che ha reagito bloccando il ragazzo che mi aveva aggredito, quindi è intervenuto l'altro aggressore che gli ha sparato alla testa». È quanto ha detto agli inquirenti Anastasia, la fidanzata di Luca. La ragazza ha riferito la sua versione dei fatti spiegando che lei e il fidanzato erano andati nel locale per bere una birra al termine di una giornata di lavoro. La ragazza ha detto che i due aggressori sono fuggiti a bordo di una Smart mentre altre persone hanno riferito che i due sarebbero fuggiti a piedi. A dare l'allarme per primo è stato un tassista che si trovava a passare in via Bartoloni in zona Caffarella

Ultimo aggiornamento: 19:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA