Pfizer Lazio, seconda dose a 35 giorni, ma non per i fragili. Sms in arrivo: cosa succede

Venerdì 14 Maggio 2021
Pfizer Lazio, seconda dose a 35 giorni, ma non per i fragili. Sms in arrivo: cosa succede

Per i fragili rimane a 21. Nel Lazio non ci sarà nessuno spostamento della seconda dose Pfizer per gli estremamente vulnerabili di cui alla tabella 1 del Piano Nazionale Vaccini. Lo conferma la regione, che in questo momento sta inviando a tutte le persone interessate gli sms con cui indica che la data del richiamo rimarrà quella prevista inizialmente: ovvero 3 settimane dopo la prima dose. Una precisazione che è arrivata a seguito delle migliaia di messaggi arrivati a Salute Lazio dopo la decisione di estendere la seconda iniezione, come raccomandato dal Cts, a 35 giorni. A lamentarsi erano state soprattutto quelle persone fragili, che protestavano di essere immunizzate dopo le altre meno a rischio.

Roma, apre il nuovo Hub vaccinale Acea: saranno iniettate più di mille dosi al giorno

Gli estremamente vulnerabili - Rientrano nella tabella 1 chi ha malattie respiratorie (Fibrosi polmonare idiopatica; altre patologie che necessitino di ossigenoterapia), malattie cardiocircolatorie (scompenso cardiaco in classe avanzata - IV NYHA; pazienti post shock cardiogeno) e condizioni neurologiche e disabilità fisica, sensoriale, intellettiva, psichica (sclerosi laterale amiotrofica; sclerosi multipla; paralisi cerebrali infantili; pazienti in trattamento con farmaci biologici o terapie immunodepressive e conviventi; miastenia gravis; patologie neurologiche disimmuni). Ma anche chi ha fibrosi cistica e grave obesità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA