Luca Sacchi, l'incredibile post su Facebook: «Se il ladro ti spara, puoi guardarlo brutto»

Giovedì 24 Ottobre 2019
Luca Sacchi, l'incredibile post su Facebook: «Se il ladro ti spara, puoi guardarlo brutto»

Un post tragicamente profetico quello di Luca Sacchi, il 24enne personal trainer ucciso con un colpo di pistola alla testa da un rapinatore davanti a un pub di Roma. «Se trovi un ladro in casa, con la nuova legge lo puoi guardare brutto se ti spara…». Questo il passaggio di un video comico di Enrico Brignano apparso sulla bacheca di Facebook di Luca. Uno dei pochi post del giovane che ora fa venire i brividi visto il drammatico epilogo della vicenda.
 
A quanto ricostruito dai carabinieri, il 24enne era in compagnia della fidanzata quando due uomini si sono avvicinati alle spalle, hanno colpito la ragazza alla testa con un oggetto e rubato lo zaino e a un tentativo di reazione del giovane gli hanno sparato alla testa fuggendo poi a bordo di una Smart. Il ragazzo è stato operato all'ospedale San Giovanni, ma per lui non c'è stato niente da fare. 

Leggi anche Luca Sacchi ucciso durante una rapina a Roma, il luogo dell'aggressione
Leggi anche Luca Sacchi, la famiglia autorizza la donazione degli organi
 

 

«Eravamo appena usciti dal pub. Mi sono sentita strattonare da dietro, mi hanno detto: "dacci la borsa". Gliela stavo consegnando quando mi hanno colpito con una mazza. A questo punto è intervenuto Luca che ha reagito bloccando il ragazzo che mi aveva aggredito, quindi è intervenuto l'altro aggressore che gli ha sparato alla testa». È quanto ha detto agli inquirenti Anastasia, la fidanzata di Luca. La ragazza ha riferito la sua versione dei fatti spiegando che lei e il fidanzato erano andati nel locale per bere una birra al termine di una giornata di lavoro. La ragazza ha detto che i due aggressori sono fuggiti a bordo di una Smart mentre altre persone hanno riferito che i due sarebbero fuggiti a piedi. A dare l'allarme per primo è stato un tassista che si trovava a passare in via Bartoloni in zona Caffarella.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA