Lazio, Open night, si replica: dopo il Santo Spirito, sabato prossimo all’Umberto I, Tor Vergata e Sant’Andrea. «È boom di badanti»

Lunedì 5 Luglio 2021 di Flaminia Savelli

Pronto il programma per un altro tour di “Open night”. Dopo il sold out del fine settimana con oltre 2.500 “recuperi”, la Regione Lazio ha già deciso di replicare per il mese di luglio aggiungendo nuove date e nuovi hub. Dal prossimo sabato oltre che all’ospedale Santo Spirito, il piano è di promuovere la vaccinazione notturna pure all’Umberto I, Tor Vergata e al Sant’Andrea.

Lazio, un'altra open night per le vaccinazioni

Il programma seguirà quello appena concluso (domenica) al Santo Spirito. Cioè: mentre si svolgeranno le somministrazioni del monodose Johnson & Johnson, i neo vaccinati saranno intrattenuti con concerti Jazz nelle ore serali. A chi invece prenoterà nella prima fascia oraria giornaliera, quindi tra le cinque e le otto, verrà offerta la prima colazione. Intanto, i numeri del prima vaccinazione in notturna al Santo Spirito che ha chiuso ieri mattina con 1000 vaccinazioni di J & J.

«Tutto si è svolto con grande partecipazione, in sicurezza e nel rispetto di tutte le regole sanitarie» ha commentato l’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato. 

Covid Lazio, bollettino oggi 4 luglio: 83 nuovi casi (61 a Roma) e 2 morti


LA PLATEA
Ma il programma vaccinale della Regione Lazio corre ancora su un doppio binario. Infatti oltre all’accelerata negli hub ospedalieri, dalla scorsa settimana sono in viaggio i 30 camper lungo la costa del litorale romano. Da Sabaudia a Latina fino a Gaeta, le equipe a bordo stanno somministrando circa 90 dosi al giorno. In questo caso però, è possibile presentarsi direttamente nel piazzale del camper e senza alcuna prenotazione. Con le prossime date del mese di luglio già fissate: 12 e 13 luglio a Formia, il 14 e 15 a Spigno Saturnia, il 16 e 17 luglio a Minturno Scauri e infine, il 18 e 19 a Fondi. Un programma serrato e mirato anche per recuperare gli over 60 che ancora non sono immunizzati. Una corsa contro il virus e la variante Delta perché all’appello mancano ancora 165mila persone tra i 60 e gli 80 anni senza nessuna protezione contro il virus. L’obiettivo resta quello di recuperare chi nelle fasce di età più avanzate era rimasto indietro è stato raggiunto. Tra i 2.500 vaccinati nel fine settimana l’incidenza era molto alta, confermano dalla Pisana. Ma alta è stata anche l’affluenza di cittadini stranieri, soprattutto di origini indiane. Ma si è presentata anche una percentuale considerevole di stranieri impiegati come badanti. «Un traguardo importante per la categoria più a contatto con gli anziani» precisano dalla Pisana. 

 

 


UNDER 18
Secondo i dati regionali, ieri sono state superate le 5,4 milioni di dosi somministrati con il 43% di popolazione over 12 che ha completato il ciclo vaccinale.
Restano i ragazzi che a settembre dovranno tornare in classe. Dal prossimo 23 agosto sono in calendario i richiami per le seconde dosi di Pfizer. Sono già partite le richieste: in 50 mila hanno già fatto richiesta al proprio medico di base, o al pediatra, per la seduta. «Ogni pediatra - aveva spiegato Teresa Rongai, presidente della Fimp, la Federazione italiana medici pediatri del Lazio - ha ricevuto tra le 30 e le 40 richieste». In tutto i pediatri che hanno aderito alla campagna e che sono pronti a vaccinare sono più di 670.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA