Roma, inventò 16 gravidanze: ecco i trucchi della donna che ha truffato l'Inps per 20 anni

Mercoledì 22 Gennaio 2020 di Giuseppe Scarpa

L'ultimo parto l'ha avuto a dicembre all'età di 50 anni. Questo porterebbe a diciassette, e non più a sedici, le gravidanze inventate di sana pianta dalla donna. I dodici aborti naturali così come, a questo punto, i cinque pargoli vantati da lady truffa non sono mai esistiti se non sulla carta. Nessun pancione, nessuna dolce attesa a rischio. Solo una montagna di documenti falsi prodotti con una certa dose di spregiudicatezza dalla donna. Il tutto con un unico obiettivo: incassare gli assegni di maternità e non andare a lavorare. Un progetto ben riuscito visto che per 20 anni si è grattata la pancia portandosi a casa più di 100mila euro pagati dall'Inps. Oggi si scopre che la 50enne romana avrebbe architettato il bluff con l'appoggio del compagno. Anche lui indagato per truffa e falso, finito sotto la lente d'ingrandimento dei carabinieri tutela del lavoro e dal pm Carlo Villani. 
Gli inquirenti tuttavia si chiedono se la coppia abbia beneficiato di appoggi all'interno dell'Asl, dell'Inps e dell'Umberto I. Dubbi legittimi visto che la coppia, non giovanissima, è andata avanti per anni a depositare certificati fasulli all'Azienda sanitaria locale. 

Partorisce a 17 anni nel bagno della scuola: nessuno sapeva della gravidanza
Roma, si inventa sedici gravidanze in 20 anni per non lavorare: maxi truffa all'Inps

I FINTI FIGLI
In gran parte il sistema è stato comunque scoperchiato dagli inquirenti. I militari dell'Arma e il sostituto Villani hanno scoperto che la 50enne aveva rubato un blocchetto di certificati ad una ginecologa. Documentazione medica che la signora compilava da sola. Con le carte in mano andava poi all'Asl e dal datore di lavoro. Spesso fingeva di avere il pancione mettendo un cuscino per camuffare lo stato interessante. Gravidanze, ovviamente, sempre a rischio. D'altro canto compariva dal certificato e questo comportava l'immediata sospensione dal lavoro e l'attivazione dell'assegno di maternità. 
È stato più complesso, per la 50enne, simulare la nascita dei 4 figli. Un altro pargolo tra l'altro, il quinto nascituro, che fa salire a 17 il numero totale delle gravidanze, è stato scoperto da pochi giorni dagli inquirenti. La finta nascita dell'ennesimo bimbo risalirebbe a dicembre. I carabinieri, con le macchine fotografiche, hanno potuto verificare l'inesistenza del pancione della donna. Con una serie di foto hanno immortalato una perfetta silhouette che contrastava con l'ipotetico e inusuale nono mese di gravidanza di una 50enne.
La signora, per giustificare la nascita dell'ultimo arrivato, ha prodotto nuove carte false. Certificati di nascita attribuiti all'Umberto I. Tuttavia nell'archivio dello stesso policlinico non è stata ritrovata alcuna documentazione, sempre abilmente impiegata per spillare soldi all'Asl. 
Invece, all'Umberto I, sono stati scoperti i certificati veri degli unici tre figli della donna (avuti negli anni 90) che porterebbero a 20 le gravidanze sostenute dalla donna. Di cui, conti alla mano, diciassette totalmente inventate e tre reali. 

Ultimo aggiornamento: 13:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA