Covid Roma, chiude il Mercato Centrale: «Ci abbiamo messo il cuore, torneremo quando potremo di nuovo stare insieme»

Mercoledì 4 Novembre 2020

Dolci, porchetta, sushi e trapizzini. Ma anche pasta e carne, un mix di tradizione e modernità. Il Mercato Centrale era spuntato nel 2016 nel cuore di Roma e in breve tempo era diventato un punto di riferimento per tutti. Una soluzione capace di non scontentare nessuno: dai turisti appena sbarcati alla stazione Termini e alla ricerca di un boccone veloce, alle comitive di amici impegnate a individuare un locale in grado di soddisfare le più disparate richieste dei commensali.

Covid a Roma, chiuso un ristorante su dieci: «La cena vale il 70%, rischio catastrofe a Natale»

Ora, però toccherà trovare alternative nuove, perché da domenica i titolari delle tante attività distribuite nell'area della Cappa Mazzoniana, l'ex dopolavoro ferroviario, hanno deciso di abbassare le loro saracinesche. Effetto collaterale del Covid e di provvedimenti e Dpcm varati allo scopo di arginare pandemia e il contagio, ma che stanno assestando un duro colpo alla filiera della ristorazione.

Ci sono scelte difficili da fare: ci abbiamo messo il cuore, ma chiudiamo per aspettare il momento in cui il Mercato...

Pubblicato da Mercato Centrale Roma su Sabato 31 ottobre 2020

L'annuncio arriva con un post di Facebook: «Ci sono scelte difficili da fare: ci abbiamo messo il cuore, ma chiudiamo per aspettare il momento in cui il mercato possa essere vissuto nella sua essenza - scrivono - tornando ad essere un luogo in cui stare insieme come abbiamo sempre fatto». Un messaggio forte, in grado di sintetizzare una situazione difficile, soprattutto per i vari gestori: «Grazie ai nostri artigiani, l'anima del progetto che non si sono mai fermati, nemmeno di fronte a una sfida così importante. Grazie al nostro staff, capace di reagire con coraggio e ottimismo, anche in un momento di diffocoltà».

Dpcm, circolari & C: se il caos paralizza più del lockdown

La conclusione è per la gente, insieme alla speranza di tempi migliori: «Grazie per i vostri sorrisi: li abbiamo visti, uno per uno, anche se nascosti dietro le mascherine. E non vediamo l'ora di rivederli, speriamo prestissimo, in via Giolitti 36».


 

Ultimo aggiornamento: 12:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA