Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zona rossa rafforzata in Puglia: tutto chiuso domenica 28 marzo e nel weekend di Pasqua

Zona rossa rafforzata in Puglia: tutto chiuso domenica 28 marzo e nel weekend di Pasqua
di Massimiliano IAIA
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Marzo 2021, 20:23 - Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 08:39

È ormai questione di ore per la stretta promessa dalla Regione, con l'ordinanza da zona rossa rafforzata che sarà in vigore fino al 6 aprile. L'ordinanza dovrebbe essere emanata in queste ore: negozi chiusi fino alle 18 (tranne quelli di generi alimentari), tutto chiuso la domenica delle Palme e nel weekend di Pasqua, ingressi contingentati nei supermercati. Per le funzioni religiose, invece, se ne saprà di più nelle prossime ore.

IL QUADRO EPIDEMIOLOGICO


L'irrigidimento delle misure, stabilito di concerto con i sindaci, i presidenti delle Province e i sindacati, si è reso necessario - hanno spiegato in queste ore in Regione - alla luce del peggioramento del quadro epidemiologico, tra il costante aumento dei nuovi contagi, il balzo in avanti dei decessi, l'inarrestabile crescita degli attuali positivi e l'ennesima pressione delle terapie intensive. Non è bastata la zona rossa, introdotta in Puglia lo scorso 15 marzo. O meglio, le misure di contenimento stabilite dieci giorni fa faranno sì registrare molto presto degli effetti significativi, ma in attesa di vedere i primi progressi non si poteva perdere ulteriormente tempo. Era necessario correre ai ripari per frenare la preoccupante escalation di contagi. Per questo motivo, dopo un incontro preliminare avvenuto sabato scorso, ieri la Regione ha definitivamente tirato le somme con i sindaci dei capoluoghi di provincia, i presidenti delle Province e anche i rappresentanti dei sindacati, informati e coinvolti sui provvedimenti da assumere al più presto (se l'ordinanza sarà emanata oggi potrebbero entrare in vigore già da domani), e che saranno valide fino al 6 aprile, ultimo giorno del decreto del governo Draghi che comprende anche le misure di contenimento di queste ultime settimane.

LE MISURE


Dalla zona rossa, quindi, la Puglia passa in zona rossa rafforzata. Diverse le nuove misure introdotte. La prima riguarda la chiusura anticipata alle ore 18.00 per tutti gli esercizi commerciali, fatta eccezione per quelli che si occupano della vendita di generi alimentari. Rispetto al lockdown di un anno fa, molti negozianti hanno ottenuto la possibilità di tenere aperti i loro esercenti, poiché è stato allargato il campo dei negozi con articoli di prima necessità. Nei supermercati, comunque, gli ingressi dovranno essere sempre contingentati, proprio come avvenne lo scorso anno, per far sì che vi sia un numero sempre contenuto di clienti all'interno delle strutture. Tutte le attività commerciali, comunque, saranno chiuse domenica 28 marzo (Domenica delle Palme), domenica 4 aprile (Pasqua) e lunedì 5 aprile (Pasquetta).

Oltre alle raccomandazioni sull'asporto (va comunque detto che per bar e ristoranti è di fatto l'unica soluzione possibile, assieme al servizio a domicilio), resta un punto interrogativo sulle funzioni religiose: la Regione si è riservata di incontrare le autorità religiose per ulteriori decisioni.

I SINDACI IN CAMPO


Nel frattempo, anche i sindaci prendono i loro provvedimenti in ambito comunale. Il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi ha disposto, per i giorni 27 e 28 marzo e 3, 4 e 5 aprile: la chiusura dei parchi urbani e di quartiere e delle aree verdi del Monumento al Marinaio di Brindisi; la chiusura dei cimiteri (Centro e Tuturano), con esclusione delle attività non differibili (tumulazioni, eccetera); l'intensificazione dei controlli da parte della Polizia Locale, al fine di garantire il rispetto delle misure di contenimento previste dal Dpcm, nei parchi e nelle aree verdi che non dispongono di recinzione. «Sono ulteriori misure per evitare assembramenti ed occasioni di ritrovo in giornate festive tradizionalmente dedicate alle uscite. È una decisione necessaria, assunta in questa fase di crescita dei contagi, per la tutela della salute di tutti e tutte», ha commentato il sindaco.
Anche a Lecce stretta in arrivo sul fronte dei controlli in vista di Pasqua e Pasquetta, così come deciso al termine della riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza tenutasi ieri mattina in Prefettura a Lecce per individuare le misure da approntare in vista delle prossime festività e, come si legge in una nota, «al fine di garantire il rispetto delle prescrizioni poste dalla zona rossa in cui è collocata anche la Puglia». All'incontro hanno partecipato anche il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, e il presidente della Provincia di Lecce, Stefano Minerva. In particolare il prefetto Maria Rosa Trio ha espresso la raccomandazione «che in questo momento di particolare incremento della contagiosità i cittadini continuino a mantenere alta l'attenzione al rispetto delle disposizioni anti-Covid al fine di superare in breve tempo l'attuale fase di emergenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA