Xylella, crolla la produzione di olio. La Coldiretti: «A Lecce è al -90%, frantoi pronti a chiudere»

Giovedì 12 Settembre 2019
A causa della xylella il Salento ha subito un crollo drammatico della produzione olivicola. «Incontrovertibile lo scenario della filiera olivicola a Lecce, dove si stima nella campagna olearia 2019-2020 il crollo del 90% di olio rispetto alle medie storiche, perché la produzione di olive Cellina e Ogliarola è azzerata e risultano produttive solo le piante di Leccino, con il prevedibile effetto a catena su oltre 100 frantoi che lasceranno i battenti serrati». È la denuncia di Coldiretti Puglia rispetto alla campagna olearia in provincia di Lecce che si profila drammatica con il grave rischio di chiusura per la grande fabbrica green del Sud Italia.

Xylella avanza fra Brindisi e Taranto: altri 43 ulivi infetti. Coldiretti: «Basta minimizzare»
Ulivi infetti, i numeri e gli errori. Nardone: «Lettura sbagliata, ecco perché scrivono falsità»

«Gli olivicoltori sono allo stremo perché la produzione è azzerata e i frantoiani stanno decidendo di non mettere in moto gli impianti, perché l’apertura senza molitura di olive significherebbe sobbarcarsi gravosi quanto inutili costi di manutenzione di attrezzature e personale», è il grido d’allarme del presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, che sarà a capo della delegazione di olivicoltori e frantoiani di Coldiretti all’incontro con il Ministro dell’Agricoltura Bellanova giovedì 19 settembre a Roma. Ultimo aggiornamento: 13 Settembre, 13:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA