Vini, la Puglia svetta nella classifica dei più venduti online: volano Primitivo e Salento Igt

Vini, la Puglia svetta nella classifica dei più venduti online: volano Primitivo e Salento Igt
2 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Settembre 2022, 11:58 - Ultimo aggiornamento: 19:55

I vini pugliesi non deludono e occupano i primi posti nelle classifiche di vendita. Nel 2021 i vini a denominazione cresciuti di più nella propria categoria rispetto all'anno precedente nelle vendite online di Vino.com sono stati il Lugana per i bianchi (+54%), il Primitivo di Manduria per i rossi (+65%), il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore per gli spumanti (+6%) e il Salento Igt per i rosati (+86%). Mentre tra i fine wines, il 40% delle bottiglie vendute di Amarone della Valpolicella e Barolo è acquistato in Lombardia e nel Lazio. I maggiori estimatori di Champagne sono in Emilia Romagna e Toscana.

I dati dell'osservatorio

È quanto emerge con i dati dell'Osservatorio nato dalla partnership tra Nomisma Wine Monitor e Vino.com. A trainare le vendite, viene precisato in una nota, sono soprattutto gli uomini che per tutte e quattro le denominazioni analizzate, sono responsabili di oltre l'80% delle bottiglie acquistate nel corso dell'anno.

Lo studio ha analizzato la ripartizione regionale delle vendite dei top 4 vini a denominazione del 2021: la Lombardia rappresenta la prima regione di acquisto, con percentuali che vanno dal 25% delle vendite totali nel caso del Salento Igt a oltre il 36% per il Lugana. Al secondo posto, a diverse lunghezze, il Lazio sia per il Primitivo di Manduria (15%) sia per il Salento Igt (14%), il Veneto per il Lugana (14%) e l'Emilia-Romagna per il Valdobbiadene Prosecco Superiore (12%). Il prezzo medio delle bottiglie vendute è stato di 8,69 euro per il Primitivo (sostanzialmente stabile rispetto al 2020), 8,46 euro per il Lugana (+5,6%), 6,66 euro per il Valdobbiadene Prosecco (+4,7%) e 6,58 euro per il Salento Igt, la denominazione che ha registrato il maggior incremento di prezzo rispetto all'anno precedente (+8,6%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA