Vacanze brevi e in Italia: la Puglia si conferma tra le mete più gettonate

Lunedì 13 Luglio 2020 di Rita DE BERNART
Le prenotazioni per l'estate 2020 sono ancora lontane dagli standard del periodo. Ma la Puglia c'è: sempre sul podio delle principali ricerche per le destinazioni più gettonate. Nella nostra regione, come nel resto d'Italia, la vacanza post covid va ancora a rilento ma si registrano segnali positivi che fanno bene sperare per un boom in agosto e per una ripartenza effettiva, pur con le perdite ormai irrecuperabili generate dai mesi di lockdown.
Gli italiani scelgono il mare ed in particolare la Puglia.

Parcheggio a 10 euro e una pizza Margherita a 12: è protesta. I turisti: «Ci spennano, non torniamo più»
Obbligo di segnalazione per chi arriva e multe salate ai “furbetti”: la Puglia si prepara al grande esodo d'estate

Le vacanze quest'estate da quanto emerge dall'osservatorio Confturismo Confcommercio e Swg- saranno nel nostro paese, principalmente brevi e per molti piuttosto vicino a casa. La scelta ricadrà soprattutto sulle località di mare ma chi potrà permettersi di viaggiare è orientato anche verso l' enogastronomia, il benessere e gli itinerari green. Meno gettonate le città d'arte, viste forse come destinazioni più caotiche e pericolose; chi si concederà un viaggio è invece più propenso a stare all'area aperta e in spazi ampi covid free. In ogni caso ben il 16% in più dello scorso anno, farà ferie in Italia. Mete privilegiate, secondo lo studio, sono la Puglia, che conferma un trend forte e in continua crescita, la Toscana e la Sicilia.

Al quarto posto invece città e luoghi d'arte, di solito in vetta alle preferenze delle preferenze degli intervistati, menzionate dal 15% contro il 22% dello scorso anno. Non manca chi opterà per la vacanza all'estero: per il 7% di chi viaggerà oltralpe la scelta però non può che restringersi al panorama europeo dove a Grecia, Francia e Spagna, già gettonate lo scorso anno, si aggiunge come new entry l'Austria che sostituisce l'Inghilterra, normalmente presente fra le destinazioni top dell'era pre-Covid. C'è però anche una grossa fetta di indecisi, cosa davvero inedita per questo periodo dell'anno ma assolutamente comprensibile rispetto a quello che è successo con la pandemia.

Buone notizie per le imprese turistiche pugliesi arrivano anche dalla società di marketing AvantGrade.com che ha esaminato i trend Google dell'ultimo mese; dopo l'annuncio del bonus vacanze si è registrata un'impennata di ricerche partendo dall'argomento vacanza'. A sorpresa la parola più cliccata è Gallipoli che questa volta torna in cima alle ricerche Google non per il turismo giovanile e per i party in spiaggia ma evidentemente per la sua offerta mare. Grandi strutture ricettive e tanti Bed and breakfast o casa vacanza vicini alle spiagge, lidi attrezzati, bandiera verde per le spiagge a prova di bambino, qualità delle acque e una discreta offerta di locali di intrattenimento e ristorazione la rendono probabilmente meta ideale per molti.

La cittadina jonica, nell'indagine, è seguita da Riviera del Conero, Isola d'Elba, Isola del Giglio e Vieste. Sono queste le mete più ambite dagli italiani per questa anomala estate a corto raggio. La regione dove si è cercato di più è stata la Campania, seguita da Umbria, Lombardia, Valle d'Aosta, Piemonte, Lazio e Toscana. Esaminando le ricerche per la voce viaggi' è forte l'incremento delle Cinque Terre, seguite dal comune di Finale Ligure con il più 150% di ricerche rispetto al 2019. Se, invece, si esamina la sola voce hotel', le ricerche più numerose sono quelle relative a Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Veneto, Lombardia e Valle d'Aosta. Tra le singole località spiccano Palinuro, Varazze e ancora Finale Ligure.

Altro elemento che colpisce nelle indagini dell'ultimo periodo è inoltre la «qualità» della vacanza programmata: quasi 4 intervistati su 10 pensano di fare una vacanza breve, di 2 o 3 giorni, non lontano da casa, e diventano 1 su 2 se si contano anche quelli che ipotizzano vacanze di almeno una settimana, ma sempre senza spostarsi molto dalla residenza abituale. In questo panorama di grande incertezza tuttavia solo il 36% degli intervistati che intende partire dichiara di avere già prenotato la vacanza da fare entro settembre, una percentuale davvero bassa in questo periodo dell'anno. Ultimo aggiornamento: 14:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA