Truffa sulle spese legali della Regione, sequestrato un milione di euro a tre ex dipendenti

Truffa sulle spese legali della Regione, sequestrato un milione di euro a tre ex dipendenti
2 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2022, 17:13 - Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 11:04

Sequestrati 300.000 euro a tre ex dipendenti dell'avvocatura regionale della Puglia (due non più in servizio in quanto licenziati e una avvocatessa in pensione), accusati di aver truffato la Regione per oltre un milione di euro. Il sequestro preventivo è stato eseguito oggi dalla Guardia di Finanza. Secondo la ricostruzione degli inquirenti i tre sono accusati di aver indotto la Regione al «pagamento di spese - si legge nell'imputazione - concernenti anticipi o rimborsi di spese legali di fascicoli di contenzioso risultati essere inesistenti o attributi a un altro legale rispetto a quello presente nella richiesta» oppure «le cui richieste sono risultate esser state illegittimamente alterate per quanto concerne le voci di spesa e gli importi da liquidare» o ancora «liquidate più di una volta, con mandati di pagamento diversi». 

Truffa alla Regione, i nomi

L'indagine è coordinata dal procuratore di Bari Roberto Rossi. Ai tre indagati destinatari del sequestro disposto dalla gip del Tribunale di Bari Luigia Lambriola, la Procura contesta i reati di truffa aggravata e falso. Si tratta del 64enne Raffaele Rega e del 65enne Federico Tarricone, entrambi baresi, licenziati il primo nel luglio 2020 e il secondo nel dicembre 2019; e della avvocatessa 66enne di Barletta Antonella Loffredo, in pensione da gennaio 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA