Scuola, in Puglia ci sono oltre 7mila dipendenti non vaccinati

Scuola, in Puglia ci sono oltre 7mila dipendenti non vaccinati
Scuola, in Puglia ci sono oltre 7mila dipendenti non vaccinati
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Settembre 2021, 20:24 - Ultimo aggiornamento: 4 Settembre, 15:50

Più di 7mila. Questo il numero della platea del personale della scuola non ancora vaccinato. A poche settimane dall'avvio dell'anno scolastico, fissato in Puglia per il 20 settembre, sono 7.027 i dipendenti scolastici non ancora vaccinati contro il Covid, il 6,39% del totale: è quanto riporta il monitoraggio settimanale della struttura commissariale nazionale. Ma il numero potrebbe salire, perché sono ancora in corso le verifiche da parte della Regione Puglia: la fetta di personale scolastico non vaccinata potrebbe aumentare fino al 13% circa.

I presidi sui doppi turni: penalizzano gli studenti

Sul fronte organizzativo, il presidente dell'Associazione nazionale presidi della Puglia, Roberto Romito, ribadisce le diverse criticità in una nota inviata oggi ai dirigenti dell'uffici scolastici provinciali e alla Regione. «Il doppio orario di ingresso penalizza eccessivamente gli studenti che entreranno al secondo turno, soprattutto quelli degli istituti scolastici con orari più lunghi, come i tecnici e i professionali. Non è una questione di ricercare a tutti i costi la migliore comodità organizzativa per le scuole, come qualcuno insinua: si tratta, invece, di far del tutto per proteggere e garantire il diritto all'apprendimento da parte degli studenti, che è uno dei compiti precipui del profilo professionale dei dirigenti scolastici».

 «Per evitare il doppio orario - dicono i presidi - chiediamo che, insieme alle aziende concessionarie del trasporto pubblico, si studino tutte le soluzioni e si impieghino tutte le risorse umane e finanziarie disponibili per potenziare non solo il numero delle corse ma anche quello dei mezzi disponibili», impiegando «almeno per il tempo di persistenza dell'emergenza sanitaria, i mezzi delle aziende private che agiscono sul mercato dei trasporti turistici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA