Rete ospedaliera, via alla riorganizzazione: si parte da posti letto e pronto soccorso

Mercoledì 13 Aprile 2022

Prende forma  la strategia di potenziamento della rete ospedaliera in Puglia, in attuazione del Regolamento regionale di riordino del sistema ospedaliero. Ne dà notizia l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Rocco Palese, all’indomani della seduta della Giunta regionale che ha dato via libera alla prima fase di riorganizzazione della rete ospedaliera.

Ospedale Monopoli-Fasano, indaga la Corte dei Conti. Bufera anche nel Salento: «Maglie-Melpignano, anomalie nella progettazione»

Nuova strategia sui posti letto

“Si tratta – commenta l’assessore Palese – dell’avvio di un percorso di rivisitazione dell’intera rete, secondo tre precisi step. Innanzitutto si è inteso rideterminare  il numero dei posti letto delle strutture pubbliche e private accreditate, sulla scorta di una redistribuzione dei medesimi già previsti da atti di precedenti programmazione, al fine di qualificare ulteriormente l’offerta assistenziale. Inoltre,  si è inteso intervenire su una delle priorità del Servizio Sanitario Regionale, ovvero la definizione di  strategie di decongestionamento dei Pronto soccorso, attribuendo almeno un modulo di 10 posti letto  del codice disciplina di Medicina e Chirurgia d'accettazione e d'urgenza  ai Dea di Secondo Livello e agli Ospedali di Primo livello (con un numero di accessi giornalieri significativo).

Taranto, la Asl: «Ospedali in emergenza, da fare ancora mille assunzioni»

Due le fasi del percorso


Il percorso di riorganizzazione proseguirà, per le successive due fasi, con l’attribuzione dei posti letto per singola struttura, da realizzarsi entro il 30 giugno prossimo , a seguito di apposite interlocuzioni con le direzioni strategiche, dando priorità alle strutture pubbliche ed in subordine alle strutture private accreditate.. Come terzo step si provvederà con la stesura di un unico provvedimento di riordino della rete ospedaliera”.

“Dunque – sottolinea l’assessore – prevediamo di incrementare i posti di terapia intensiva, di riconvertire una quota parte dei posti letto in area medica in semintensiva  e di potenziare il numero di quelli per acuti, per la riabilitazione e la lungodegenza, sulla base della valutazione epidemiologica dei bisogni della salute delle cittadini pugliesi. Questo ci consentirà, tra le atre cose, di perseguire e raggiungere gli obiettivi indicati nel regolamento ministeriale in materia di standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera. Vorrei, inoltre, sottolineare che il piano di riorganizzazione che abbiamo avviato riguarda, altresì, l‘istituto I.R.C.C.S. ‘S. De Bellis. Su proposta della direzione strategica dell’Istituto De Bellis, è previsto un incremento dei posti letto al fine di implementare la chirurgia bariatrica ed efficientare il percorso terapeutico dei soggetti obesi nonché la istituzione del “Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinati”, presso la Unità Operativa “Inlammatory Bowel Diseases” (IBD) dell’IRCCS “De Bellis” di Castellana Grotte..  Per gli Ospedali Riuniti di Foggia accogliamo la richiesta di rimodulazione dei posti di riabilitazione, prevedendo espressamente i posti letto codice 28 e codice 7,5 modello avanzato di trattamento dei disturbi cerebrovascolari  nonché l’incrementando dei pl di neurologia della stroke unit,. Istituiamo presso l’Ospedale di San Severo la Unità di Neurologia con una stroke unit di primo livello. Il nostro obiettivo è quello di migliorare, secondo i principi della sostenibilità sociale, economica e finanziaria, tutto il sistema sanitario regionale al fine di renderlo quanto più rispondente ai bisogni dei cittadini in termini di qualità, sicurezza ed efficienza.

 

Ultimo aggiornamento: 10:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA