Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Regione Puglia, nasce ufficialmente il gruppo dei "Conservatori e riformisti"

Regione Puglia, nasce ufficialmente il gruppo dei "Conservatori e riformisti"
2 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Dicembre 2015, 19:48 - Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre, 17:53

"Si costituisce ufficialmente il gruppo dei 'Conservatori e riformisti' (Cor) qui in Regione Puglia, come è stato fatto al Senato e alla Camera dei deputati, e come faremo anche in tutte le altre regioni d'Italia". Lo ha annunciato questa mattina a Bari, incontrando i giornalisti, il leader di Cor, Raffaele Fitto, sottolineando che "ai quattro consiglieri eletti nella lista 'Oltre con Fitto', che termina qui la sua funzione che era prettamente elettorale, si aggiunge il consigliere Luigi Manca" che lascia il gruppo 'Movimento Schittulli-Area popolare'.



Fitto spiega che Cor farà una opposizione "non demagogica ma critica e propositiva". Ad esempio, nella sanità, un ambito in cui per Fitto "regna l'anarchia", se il governatore Emiliano "avrà il coraggio di fare una riforma seria, noi lo sosterremo". "Comprendiamo - ha rilevato Fitto - la sua difficoltà politica di ammettere il disastro dei dieci anni precedenti, ma non c'é piu' tempo da perdere".

Parlando di amministrative, il leader di Cor ha ribadito, che "non è possibile immaginare" che a causa di "un braccio di ferro tra diverse posizioni ci sia una rottura" del centrodestra. "Le primarie regolate per evitare infiltrazioni poco trasparenti - ha sostenuto - sono l'unico modo per mettere insieme una coalizione in cui confrontarsi". Ma, ha concluso, "laddove si dovessero trovare soluzioni unitarie condivise, il problema" primarie "non si porrebbe".

© RIPRODUZIONE RISERVATA