Conto alla rovescia per il voto. Si lavora sulle candidature: centrodestra, già sette liste. Leggi i primi nomi

Domenica 12 Luglio 2020 di Vincenzo DAMIANI
Si lavora alacremente in tutti gli schieramenti per la composizione delle liste in vista delle Regionali.Nel centrodestra le liste civiche di Raffaele Fitto, almeno due, sono pronte a riabbracciare gli ex leghisti vicini ad Andrea Caroppo, e non solo. Dopo la spaccatura per la candidatura di Nuccio Altieri e la lettera dei 103 dissidenti indirizzata a Matteo Salvini per criticare la gestione politica in Puglia, è pronto un travaso verso le civiche e Fratelli d'Italia.

Lopalco apre alla candidatura per le Regionali: «Rifletterò se me la offrono»
Elezioni regionali, la giunta pugliese accelera: ok alla parità di genere in vista del voto

A Bari, ad esempio, il recordman delle preferenze alle ultime Comunali, Michele Picaro, ex capogruppo della Lega, è in procinto di candidarsi alle Regionali con Fdi. Sempre nella lista del partito di Giorgia Meloni potrebbe trovare posto un candidato vicino all'area di Gaetano Quagliariello; mentre Forza Italia confermerà i consiglieri uscenti il vicepresidente del Consiglio, il foggiano Giandiego Gatta, il bitontino Domenico Damascelli, il salentino Aldo Aloisi e la tarantina Francesca Franzoso tranne il capogruppo Nino Marmo che ha deciso di candidarsi a sindaco ad Andria, la sua città, con il sostegno di tre liste civiche e senza il simbolo di Fi che appoggerà il candidato indicato dalla Lega.

Nella circoscrizione di Bari potrebbero, però, esserci importanti novità: scaldano i motori per la competizione elettorale Gigi Loperfido, l'avvocato Giuseppe Carrieri e Nino Rossi. Restando sempre in Forza Italia, nel Salento la novità potrebbe essere rappresentata dal segretario provinciale Paride Mazzotta; in lizza anche Carlo Chiuri, ex sindaco di Tricase, Antonio Buccoliero, ex consigliere regionale, la sindacalista di Nardò Paola Mita. In una delle liste del presidente potrebbe candidarsi anche Mario Pendinelli, mentre l'imprenditore Antonio Raone è corteggiato sia dal centrodestra che dal centrosinistra. Fratelli d'Italia, in provincia di Lecce, è pronta a schierare Antonio Gabellone, Saverio Congedo e Renato Stabile.

La Lega punta sull'editore Paolo Pagliaro, mentre a Bari si profila un derby tra l'ex consigliere regionale Davide Bellomo e il consigliere comunale Fabio Romito, il giovane avvocato che il Carroccio aveva proposto come sfidanti di Antonio Decaro. A Foggia, Alfonso Fiore, il più suffragato della Lega con quasi 900 voti alle Comunali, cerca spazio nella lista del presidente. Restando in Capitanata, non si conosce ancora il futuro dell'ex assessore regionale all'Agricoltura, Leo Di Gioia: quel che è certo è che si candiderà tra le fila del centrodestra. In Fdi, insieme al capolista Ignazio Zullo, capogruppo alla Regione, i candidati di punta nel Barese saranno Tommaso Scatigna, sindaco di Locorotondo e il segretario provinciale Filippo Melchiorre, consigliere a Bari. Sono già sette, comunque, le liste a sostegno dell'ex governatore, e altre se ne aggiungeranno più in là.

La corsa alla candidatura riguarda anche il centrosinistra e il M5S: ormai queste sono settimane decisive per la compilazione delle liste. A sostegno di Emiliano ce ne saranno più di dieci, attualmente si contano le due civiche (Con e Emiliano sindaco di Puglia), quella del Pd, i Popolari, Italia in Comune, Puglia solidale e verde, Senso civico-Nuovo Ulivo per la Puglia, Partito comunista italiano, Democrazia cristiana, Partito animalista e Partito del Sud. Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, sta lavorando alla compilazione, l'obiettivo è arruolare quanti più sindaci e assessori comunali. Ma è nel Pd barese che si disputerà la competizione più interessante, con almeno quattro big: l'attuale presidente del Consiglio regionale, Mario Loizzo, l'assessore ai Trasporti, Giovanni Giannini, Anita Maurodinoia e il consigliere politico di Emiliano, Domenico De Santis. Con loro ci saranno anche Francesco Paolicelli (area Decaro) e Leonardo Palmisano, sociologo e scrittore, che ha sfidato proprio il governatore alle primarie dello scorso gennaio.

Nelle civiche emilianiste ci sarà il vicepresidente del Consiglio regionale Peppino Longo, mentre è forte il pressing sul molfettese Saverio Tammacco. Non si placano le polemiche sulla probabile candidatura del professor Pierluigi Lopalco, a capo della task force per l'emergenza sanitaria. Ieri Emiliano è tornato sull'argomento: «Se i pugliesi devono decidere chi deve fare il prossimo assessore alla Sanità, preferiscono uno competente che è in grado di difenderli dall'ondata di ritorno del Covid o vogliono un politicante qualunque?». Emiliano ha anche aggiunto che «l'interlocuzione con il Movimento 5 Stelle non si chiuderà mai». Ma prima la candidata M5s Antonella Laricchia e poi il ministro Nunzia Catalfo, presenti all'inaugurazione del comitato elettorale, hanno chiuso la porta: «In Puglia si correrà da soli».
  Ultimo aggiornamento: 20:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA