Puglia, torna l'influenza: sale il numero dei pugliesi a letto con febbre e tosse

Puglia, torna l'influenza: sale il numero dei pugliesi a letto con febbre e tosse
3 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Marzo 2022, 11:09 - Ultimo aggiornamento: 21:08

Tempo incerto e cambio repentino di temperature sembrano aver contribuito a far risalire i casi di influenza anche in Puglia, così come in tutta Italia. La Regione segna un + 4,33% rispetto alla scorsa settimana. Naso che cola e febbre sia per adulti che per bambini.

Omicron, cosa fare in caso di febbre? Quale farmaco è consigliato (e quando preoccuparsi)

I contagi

Con 282mila casi registrati la scorsa settimana, continua la risalita della curva dell'influenza che ha raggiunto un'incidenza pari a 4,76 casi per mille abitanti. E' ai massimi dall'inizio della stagione anche il numero di campioni positivi per virus influenzali, che supera il 30%. Sono questi i dati salienti dell'ultimo rapporto del sistema di sorveglianza InfluNet dell'Istituto Superiore di Sanità. Il rapporto fotografa una stagione influenzale anomala: dopo un calo consistente dei casi iniziato nella terza settimana dell'anno, dall'inizio di marzo si è osservata una ripresa dei nuovi casi di sindromi simil-influenzali che, al momento, non sembra arrestarsi.

Variante Omicron, dalla tosse al raffreddore: i cinque sintomi per riconoscerla. Le differenze con Delta

Fino a oggi sono complessivamente 5 milioni gli italiani messi a letto dall'influenza. La ripresa dei contagi, come avvenuto dall'inizio della stagione, è trainata dai bambini con meno di 5 anni: in questa fascia di età nella settimana dal 14 al 20 marzo è stato registrato un'incidenza di 14,82 casi per mille (la scorsa settimana era pari a 11,82). L'incidenza è però in crescita anche nelle altre fasce di età: 6,94 casi per mille nella classe 5-14 anni (rispetto ai 5,06 della settimana precedente); 4,45 nella fascia 15-64 (rispetto a 3,62); 1,77 negli over-65 (rispetto a 1,55). Salvo che in Basilicata e Sardegna, i casi di sindromi simil-influenzali sono in risalita in tutto il Paese: in Piemonte l'incidenza ha raggiunto gli 8,54 casi per mille contro i 6,40 della scorsa settimana, in Lombardia i 6,15 (contro 5,10), nella provincia autonoma di Bolzano 4,70 (contro 2,09), in Friuli Venezia Giulia 4,87 (contro 1,41), in Liguria 5,38 (contro 4,48), in Emilia Romagna 6,78 (4,86), in Toscana 3,93 (contro 3,04), in Umbria 13,50 (contro 12,09), nelle Marche 9,30 (contro 5,82), in Abruzzo 5,57 (rispetto a 4,55), in Puglia 4,33 (3,96), in Sicilia 4,99 (contro 3,84). Seppur in risalita, restano sotto la soglia basale di 3,16 casi per mille Veneto, Lazio, Molise, Campania e provincia autonoma di Trento. Valle d'Aosta e Calabria non hanno attivato la sorveglianza InfluNet.

Continua a salire anche la percentuale di campioni positivi ai virus influenzali: nella scorsa settimana dei 741 campioni analizzati dai laboratori afferenti alla rete InfluNet, il 32% conteneva virus influenzali, tutti di tipo A. Erano il 25% la settimana scorsa e meno del 2% nelle settimane precedenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA