Covid, giù la curva dei contagi: 1.756 nuovi casi e 11 morti. Solo 12 i pazienti in terapia intensiva

Covid, giù la curva dei contagi: 1.756 nuovi casi e 11 morti. Solo 12 i pazienti in terapia intensiva
2 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 13:18 - Ultimo aggiornamento: 22:15

Scende il numero dei contagi da covid in Puglia, e a fronte di 11 morti scende il numerod ei ricoverati in terapia intensiva: sono 12. L'occupazione dei posti letto è infatti ferma all'8% in Italia. 

I numeri del bollettino

Oggi in Puglia si registrano 1.756 nuovi casi di Coronavirus su 13.584 test (incidenze del 13%) e 11 morti. I nuovi casi sono stati individuati nelle province di Bari (610), Bat (100), Brindisi (148), Foggia (255), Lecce (386), Taranto (237). Sono residenti fuori regione altre 16 persone contagiate e per altri 4 casi la provincia è in via di definizione. Delle 26.486 persone attualmente positive, 275 sono ricoverate in area non critica (ieri 306) e 12 in terapia intensiva (ieri 13).

L'occupazione dei posti letto

Dopo l'ulteriore calo dei giorni scorsi, a livello giornaliero, in Italia, è stabile all'8% l'occupazione dei posti nei reparti ospedalieri di "area non critica" (un anno fa era all'11%) e nessuna regione supera la soglia del 20%. È ferma anche al 3% la percentuale di terapie intensive occupate da pazienti con Covid-19 in Italia (un anno fa era al 12%), e tutte le regioni o province autonome sono sotto il 10%.

Lo indicano i dati pubblicati oggi dall'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) e relativi al 30 maggio 2022. In particolare, in 24 ore, la percentuale di posti nei reparti ospedalieri di area medica o 'non criticà occupata da parte di pazienti con Covid-19 cala in Basilicata (16%) e Campania (9%) mentre cresce in 5 regioni: Calabria (17%), Emilia Romagna (10%), Puglia (11%), Umbria (16%) e Valle d'Aosta (14%). È stabile, invece, in 14 regioni: Abruzzo (al 15%), Friuli Venezia Giulia (8%), Lazio (9%), Liguria (9%), Lombardia (6%), Marche (7%), Molise (6%), Pa Bolzano (7%), Pa Trento (6%), Piemonte (5%), Sardegna (10%), Sicilia (15%), Toscana (6%), Veneto (4%).

L'occupazione dei posti nelle terapie intensive, a livello giornaliero cala in 4 regioni, ovvero Lazio (3%), Pa Bolzano (1%), Sardegna (4%) e Valle d'Aosta (0%) mentre e cresce in Calabria (3%), Friuli Venezia Giulia (2%), Puglia (3%). La percentuale è stabile in 15 regioni e province autonome: Abruzzo (al 6%), Basilicata (1%), Campania (4%), Emilia Romagna (3%), Liguria (4%), Lombardia (2%), nelle Marche (2%), Molise (8%), Piemonte (3%), Sicilia (3%), Pa Trento (3%), Toscana (4%), Umbria (3%) e Veneto (1%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA