Puglia, mimose fiorite in anticipo a causa del clima pazzo. L'allarme di Coldiretti: danni anche a verdure e piante

Puglia, mimose fiorite in anticipo a causa del clima pazzo. L'allarme di Coldiretti: danni anche a verdure e piante
3 Minuti di Lettura
Sabato 15 Gennaio 2022, 11:13

L'allarme di Coldiretti: mimose fiorite rischiano di essere distrutte dal gelo notturno. Danni anche a piante e verdure. 

I danni a causa del clima 

«Il clima pazzo fa sbocciare le mimose in Puglia dove i fiori gialli sono già pronti alla raccolta con due mesi di anticipo rispetto alla tradizionale festa della donna l'8 marzo». È quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti Puglia, che lancia l'allarme sul rischio che le repentine ondate di gelo notturno e delle prime ore della mattina brucino fiori e gemme di piante e alberi, impossibilitati a vivere appieno la fase di quiescenza, dopo il "risveglio" anticipato con fioriture anomale già dal dicembre scorso.

«La tropicalizzazione del clima determina la maturazione precoce dei prodotti agricoli come mandorli e peschi in fiore a febbraio, mimose già pronte a dicembre e a gennaio, maturazione contemporanea degli ortaggi in autunno e brusca variazioni climatiche con ingenti danni in campagna», rileva l'organizzazione agricola.

«Sono disastrosi gli effetti sui campi della tropicalizzazione del clima che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori che perdono produzione e al contempo subiscono l'aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante. Il gelo poi - sottolinea la Coldiretti regionale - colpisce le coltivazioni invernali in campo come cavoli, verze, cicorie, e broccoli. Questi ultimi reggono anche temperature di qualche grado sotto lo zero ma se la colonnina di mercurio scende repentinamente o se le gelate sono troppo lunghe si verificano danni. A preoccupare - continua la Coldiretti Puglia - è anche il balzo dei costi per il riscaldamento delle serre per la coltivazione di ortaggi e fiori che risente dell'impennata dei prezzi dei beni energetici, con gli agricoltori che si trovano ad affrontare fenomeni controversi, dove in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a caldo fuori stagione. L'aumento record dei costi energetici, infatti, spegne le serre e mette a rischio il futuro di alcune delle produzioni più tipiche del florovivaismo come tra gli altri il ciclamino, il lilium o il ranuncolo, con il caro bollette che ha un doppio effetto negativo - denuncia Coldiretti Puglia - perché riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l'agroalimentare con l'arrivo del freddo e dell'inverno. Il costo dell'energia - continua la Coldiretti - si riflette infatti in tutta la filiera agroalimentare e riguarda sia le attività agricole ma anche la trasformazione, la distribuzione ed i trasporti. Per le operazioni colturali gli agricoltori - conclude Coldiretti- sono stati costretti ad affrontare rincari dei prezzi fino al 50% per il gasolio necessario per le attività che comprendono l'estirpatura, la rullatura, la semina e la concimazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA