Puglia: superato il tetto dei 1.000 ma i nuovi casi positivi scendono sotto quota 100 (-21 rispetto a ieri)

Martedì 24 Marzo 2020
Continua a rimanere stabile la curva del contagio in Puglia. Sono infatti 99 i nuovi casi positivi al coronavirus registrati oggi in Pugia sulla base di 584 test effettuati. Rispetto al giorno precedente, sono 21 in meno.

I nuovi casi sono così suddivisi:
36 nella Provincia di Bari;
3 nella Provincia Bat;
1 nella Provincia di Brindisi;
29 nella Provincia di Foggia;
12 nella Provincia di Lecce;
5 nella Provincia di Taranto;
(13 per i quali è in corso l'attribuzione della relativa provincia).

Coronavirus Italia, bollettino: in Italia 69.176 casi (+3.612), e 6.820 morti (+743). I guariti aumentano, sono 8.326 (+894)

Sono stati registrati 7 decessi: 3 nella provincia di Bari, 3 nella provincia di Foggia, 1 nella provincia di Lecce.

Dall'inizio dell'emergenza il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.005, così divisi:
304 nella Provincia di Bari;
62 nella Provincia di Bat;
103 nella Provincia di Brindisi;
255 nella Provincia di Foggia;
161 nella Provincia di Lecce;
51 nella Provincia di Taranto;
15 attribuiti a residenti fuori regione;
(54 per i quali è in corso l'attribuzione della relativa provincia).

UN MORTO A SAN PIETRO IN LAMA
Si chiama Corrado Buttazzo l'uomo, 93enne deceduto a San Pietro in Lama e positivo al coronavirus. A darne notizia il consigliere comunale di opposizione del comune Salentino Gianluca D'Elia: «Il mostro ha colpito funestamente anche la nostra comunità - ha scritto su facebook il consigliere. In questi giorni non ci sarò al balcone a cantare», ma venerdì  diffonderà con gli altoparlanti la via Crucis alle ore 18. «La nostra San Pietro non ce l'ha fatta a scansare il killer». 
Nei giorni scorsi il numero dei contagi a Pietro in Lama era arrivato a tre. L’impiegata comunale e l’anziano padre, Corrado appunto, colpiti dal Covid-19 e ricoverati nel nosocomio di Galatina, oltre ad un altro risultato positivo. 
Corrado, dice il consigliere, «rappresenta oggi il nonno di tutti noi, rappresenta il senso della comunità unita e pronta a lottare insieme, unica famiglia, accomunata dal dolore e dalla riflessione, una comunità responsabile e attenta al male che sta serpeggiando tra di noi». 
«Uniamoci al dolore della famiglia, al dolore senza misura della cara amica Morena che purtroppo non avrà nemmeno la possibilità di dare degne esequie al suo papà», l'invito dell'amministratore. 
Nei giorni scorsi, intanto, il municipio è stato interessato da due interventi di sanificazione. Sono nove invece i cittadini di san Pietro in quarantena, tra cui proprio alcuni dipendenti comunali.
  Ultimo aggiornamento: 21:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA