Covid, occupazione dei posti letto in rialzo: ecco le regioni che rischiano il passaggio in zona gialla

Posti letto occupati, sale l'incidenza negli ospedali. In diciassette regioni supera la soglia critica
Posti letto occupati, sale l'incidenza negli ospedali. In diciassette regioni supera la soglia critica
3 Minuti di Lettura
Venerdì 31 Dicembre 2021, 14:27 - Ultimo aggiornamento: 16:54

In base al monitoraggio dell'Agenzia Nazionale dei servizi sanitari regionali (Agenas), a livello giornaliero, il tasso di occupazione delle intensive registra un calo in Abruzzo (al 12%) e Toscana (13%). L'occupazione dei posti nei reparti di area non critica, a livello giornaliero, sale in dieci regioni e in diciassette supera la soglia del 15%.

Puglia lontana dalla soglia critica

Nel dettaglio, questa la situazione delle regioni in cui il tasso di occupazione è in aumento, con differenti percentuali: Basilicata (17%), Campania (16%), Emilia Romagna (15%), Lazio (18%), Provincia Autonoma di Trento (19%), Puglia (9%), Sicilia (20%), Toscana (12%), Umbria (18%), Valle d'Aosta (29%). È in calo, ma ampiamente oltre la soglia del 15%, in Calabria (29%). È stabile ma oltre soglia in Friuli Venezia Giulia (22%), Liguria (28%), Lombardia (18%), Marche (22%), Provincia Autonoma di Bolzano (16%), Piemonte (20%), Veneto (19%).

Chi rischia di passare in giallo

Considerando queste variazioni, le regioni che superano la soglia del 15% per l'occupazione dei reparti (considerato uno dei parametri per il passaggio di colore della regione in giallo) sono: Basilicata (17%), Campania (16%), Calabria (29%), Emilia Romagna (15%), Friuli Venezia Giulia (22%), Lazio (18%), Liguria (28%), Lombardia (18%), Marche (22%), Provincia Autonoma di Bolzano (16%), Provincia Autonoma di Trento (19%), Piemonte (20%), Sicilia (20%), Toscana (12%), Umbria (18%), Valle d'Aosta (29%) e Veneto (19%).

Covid, ora il virus fa paura: 4.200 nuovi positivi su 93mila test. Altri 6 morti. La metà dei contagi a Bari (1.252 casi) e Lecce (1.003 casi)

I parametri

Tre parametri determinano il colore della regione: incidenza di casi ogni 100mila abitanti, occupazione dei posti letto in area medica (ricoveri ordinari) e occupazione delle rianimazioni (terapie intensive). Per passare in zona gialla occorre superare contemporaneamente tre criteri: 50 casi per 100mila abitanti; 15% di posti letto occupati in area medica e il 10% in terapia intensiva. Per il salto in zona arancione occorre superare le seguenti soglie, insieme: 150 per 100mila abitanti; 30% dei posti letto in area medica, 20% nelle intensive. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA