Focolaio in un'azienda ortofrutticola: altri 27 contagi dopo i 78 di ieri (anche a Brindisi e Taranto). I sindaci di Grottaglie e San Marzano scrivono ai cittadini

Martedì 8 Settembre 2020
Ci sono altri 27 contagi tra i dipendenti dell'azienda ortofrutticola di Polignano a Mare dove ieri sono stati accertati 78 casi di Coronavirus. A darne notizia è il sindaco Domenico Vitto (che in un primo momento ha parlato di 25) in una intervista a RadioNorba. Secondo quanto riferito da Vitto, sono stati processati da parte dell'Asl Bari gli ultimi 114 tamponi e, alle prime 78 positività emerse ieri, si aggiungono altri 27 casi. Non sono, però, tutti residenti a Polignano, i lavoratori dell'impresa, infatti, vivono in tre province diverse: BariTaranto e Brindisi.

Nel territorio Tarantino,  tra i 78 dipendenti positivi annotati ieri, ne risultavano 16: 9 di Grottaglie e 7 di San Marzano di San Giuseppe. A darne notizia sono stati i rispettivi sindaci, Ciro D’Alò e Giuseppe Tarantino, attraverso video su Facebook. Si tratterebbe di braccianti agricoli che hanno viaggiato sullo stesso mezzo per raggiungere i posti di lavoro.

«Chiunque abbia effettivamente lavorato negli ultimi 14 giorni presso la suddetta azienda - afferma il sindaco D’Alò - deve immediatamente mettersi in isolamento fiduciario in attesa di essere ricontattati dal dipartimento di Prevenzione dell’Asl di Taranto, a prescindere dal risultato di eventuali tamponi già eseguiti».

L' allarme sul focolaio in un'azienda ortofrutticola di Polignano a Mare. Come detto, il Dipartimento di prevenzione della Asl di Bari ha rilevato 78 contagi da Coronavirus tra i dipendenti. Alcuni dipendenti sono anche della provincia di Brindisi (cinque). Dopo la segnalazione di una lavoratrice positiva sono state attivate le procedure di sorveglianza epidemiologica all'interno dell'azienda. Sono stati eseguiti 159 tamponi, dai quali è emersa la positività di 78 soggetti. «È prevista l'esecuzione di altri tamponi, in parallelo alla attività di sorveglianza sui contatti stretti dei positivi finora accertati» ha fatto sapere l'Asl
Bari.

Intanto è stata montata una tenda vicino al campo sportivo per tutti coloro che vorranno effettuare il tampone con modalità drive-in, dopo la prenotazione al link predisposto dalla stessa azienda sanitaria, a cominciare dai contatti più stretti dei positivi. Nella compilazione del modulo per la prenotazione andrà specificato che si è di Polignano e che si è stati in contatto con persone risultate positive.

«La situazione è delicata come non mai»: lo scrive su Facebook il sindaco di Polignano a Mare Domenico Vitto. «Ho appena sentito il prefetto Bellomo - prosegue - che come sempre si è dimostrata estremamente sensibile e disponibile, il dirigente Asl dottor Domenico Lagravinese e il capo dipartimento della Protezione civile Mario Lerario, per concordare le strategie da mettere in campo per affrontare al meglio questa situazione. Invito chi è in attesa di conoscere l'esito del tampone a mettersi in isolamento in via precauzionale. Faccio un appello a tutte le forze politiche e a tutti i cittadini. Questo è il momento di unire le forze e di mettere da parte per un attimo le beghe politiche perché c'è in gioco la salute di tutti noi».

«Il dipartimento di prevenzione della Asl di Bari ha attivato immediatamente le procedure di sorveglianza epidemiologica - ha commentato il gobernatore di Puglia Michele Emiliano - . Non bisogna spaventarsi perché noi ci siamo, con il professore Pier Luigi Lopalco e il direttore Vito Montanaro insieme ai dipartimenti di prevenzione e di protezione civile della Regione, in sinergia col Comune, siamo tutti al lavoro per identificare i possibili contatti, isolarli e bloccare così la catena del contagio».  Ultimo aggiornamento: 9 Settembre, 16:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento