Il macigno della confisca sul futuro dell'Ilva ed è attesa per il Consiglio di Stato. Giorgetti: «Servono certezze»

Martedì 1 Giugno 2021 di Alessio PIGNATELLI
Il macigno della confisca sul futuro dell'Ilva ed è attesa per il Consiglio di Stato. Giorgetti: «Servono certezze»

L’ombra sul cuore produttivo dello stabilimento siderurgico diventa sempre più incombente. Ieri, la Corte d’Assise di Taranto ha disposto la confisca degli impianti dell’area a caldo dell’ex Ilva di Taranto per il reato di disastro ambientale imputato alla gestione Riva, così come era stato chiesto dai pubblici ministeri. La misura è nel dispositivo di sentenza letto in aula dal presidente Stefania D’Errico che ha disposto anche la confisca...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 18:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA