Puglia, feste patronali come patrimonio identitario della Regione. M5S: «Tavolo tecnico per riprendere l'attività»

Puglia, feste patronali come patrimonio identitario della Regione. M5S: «Tavolo tecnico per riprendere l'attività»
3 Minuti di Lettura
Martedì 15 Febbraio 2022, 17:22 - Ultimo aggiornamento: 17:31

Riprendere l'organizzazione delle feste patronali nei Comuni pugliesi anche alla luce della fine dello stato di emergenza pandemica prevista per il 31 marzo prossimo. Obiettivo: la ripresa del comparto e grazie all'istituzione di un tavolo tecnico regionale. La richiesta arriva dai consiglieri regionali dei Cinque Stelle, rivolta al presidente della Regione Michele Emiliano.

La mozione presentata in Consiglio

Istituire un tavolo tecnico per la ripresa delle feste patronali e di tutte le attività del settore delle tradizioni e della devozione popolare. E' quanto chiedono in una mozione il vicepresidente del consiglio regionale Cristian Casili e il consigliere del M5S Marco Galante. «Le feste patronali legate al mondo delle tradizioni e della devozione popolare - spiegano i pentastellati - sono patrimonio identitario della Regione Puglia, che dobbiamo tutelare e valorizzare. La pandemia ha impattato in maniera negativa su tutti i settori, e uno dei più colpiti è senza dubbio quello delle tradizioni popolari. Nonostante i ristori previsti dal Governo nazionale e dalla Regione Puglia, il comparto è ancora in sofferenza a causa del blocco delle attività, nonostante le manifestazioni religiose e le processioni possano svolgersi in sicurezza e nel rispetto delle norme anti-contagio, come previsto nel giugno 2020 dal Comitato Tecnico Scientifico - aggiungono i consiglieri - . Le maestranze occupate sono tante: dai comitati alle bande, ai luminaristi, fuochisti, giostrai, artigiani e venditori ambulanti e alimentano un indotto significativo sia in termini economici sia di forza lavoro impiegata».

 

La richiesta la presidente Emiliano

«Per questo - concludono Casili e Galante - chiediamo al presidente Emiliano di avviare un Tavolo tecnico programmatico per la ripresa delle attività e individuare, con i giusti tempi, le date estive».

© RIPRODUZIONE RISERVATA