«Da sabato l'Afo2 non deve essere utilizzato»: ex Ilva, il giudice "avvia" lo spegnimento dell'altoforno

Giovedì 12 Dicembre 2019

Compiere «ogni più utile modalità di custodia tale da assicurare che a partire dal 14 dicembre 2019 l'Altoforno 2 non sia utilizzato». È quanto ha scritto il giudice Francesco Maccagnano in un documento inviato al custode dell’ex Ilva di Taranto, Barbara Valenzano, incaricata di completare le procedure di spegnimento dell’impianto nel quale a settembre 2015 morì colpito da una fiammata l’operaio Alessandro Morricella. Un provvedimento che stringe i tempi in modo inatteso e che mette il coltello al golla ai commissari straordinari che, dopo il no alla proroga della facoltà d’uso, sono al lavoro per depositare in tempi record il ricorso al tribunale del Riesame nella speranza di ottenere altro tempo per completare la messa in sicurezza dell’impianto.

Al custode, inoltre, il giudice ha chiesto di ricevere informazioni sullo stato in cui si trova l’impianto, ma soprattutto sulle tempistiche «residue del cronoprogramma di spegnimento dell'Altoforno 2» che erano già state avviate prima a settembre 2019, prima che il riesame concedesse la proroga fino al 13 dicembre. 

F.Cas.

Ultimo aggiornamento: 21:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA