Quanti parlamentari saranno eletti in Puglia? I numeri e le regole

Quanti parlamentari saranno eletti in Puglia? I numeri e le regole
3 Minuti di Lettura
Domenica 25 Settembre 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 02:12

 Con le elezioni politiche si vota per il rinnovo di Camera e Senato, la Puglia eleggerà 40 parlamentari. Di questi 27 sono i deputati, 10 saranno eletti nei collegi uninominali al termine dei duelli all’ultimo voto. I restanti 17 seggi saranno ripartiti fra i candidati nei collegi plurinominali proporzionalmente ai voti ottenuti da ciascuna lista a livello nazionale. Ragionamento analogo per i 13 senatori: 5 conquisteranno il seggio se otterranno un solo voto in più degli sfidanti nello stesso collegio; per gli altri 8, da pescare nei collegi plurinominali, i seggi scatteranno con il sistema proporzionale e andranno ai partiti che avranno ottenuto più voti a livello regionale. Tuttavia questa spartizione, per la parte proporzionale, avverrà soltanto tra le liste che otterranno almeno il 3% delle preferenze.
Il corpo elettorale
Dei quasi 51 milioni di italiani 3.217.703 sono i pugliesi, di cui 1.543.577 uomini e 1.674.126 donne. Gli elettori pugliesi all’estero sono 306.881. I maggiorenni che potranno votare per la prima volta alle Politiche sono 203.091.
I collegi pugliesi

In Puglia per la Camera sono 10 i collegi uninominali (Foggia U1 / Cerignola U2 / Andria U3 / Molfetta U4 / Bari U5 / Altamura U6 / Brindisi U7 / Taranto U8 / Lecce U9 / Galatina U10). Sono invece 4 i collegi plurinominali - metodo proporzionale: 01. Foggia-Cerignola-Andria (4 seggi), 02 Molfetta-Bari (4 seggi), 03 Altamura-Taranto (4 seggi), 04 Brindisi-Lecce-Galatina (5 seggi).
Al Senato sono 5 i collegi uninominali (Foggia 01 / Andria 02 / Bari 03 / Taranto 04 / Lecce 05), e un collegio plurinominale unico (8 seggi).
Quando il voto è nullo?
Oltre al caso del voto disgiunto, invalida la votazione anche il caso in cui la preferenza venga espressa per due simboli. Non sarà possibile nemmeno tracciare un segno su un singolo nome del listino (perché renderebbe la scheda tracciabile e riconoscibile). Il voto sarà ovviamente nullo se sulla scheda dovesse esserci qualunque altro segno. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA