Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, superate le soglie di occupazione dei posti letto. Ma la Puglia resta in zona bianca

Covid, superate le soglie di occupazione dei posti letto. Ma la Puglia resta in zona bianca
2 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Gennaio 2022, 11:23 - Ultimo aggiornamento: 22:04

La Puglia resta in zona bianca. Nonostante l'aumento dei casi covid spinto dalla variante Omicron che mette in difficoltà gli ospedali di Puglia, secondo l'ordinanza del ministro della Salute la Regione non cambia colore. Sulla scorta dei dati del monitoraggio elaborato dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità sull’andamento della pandemia da Covid-19, il ministro Speranza ha infatti firmato l’ordinanza per il passaggio di fascia di rischio per due regioni a partire da lunedì 17 gennaio: la Valle d’Aosta che passa in arancione, la Campania in giallo.

La nuova proiezione

Secondo l'ultima proiezione di Agenas - risale a ieri sera 13 gennaio - sale all'11% l'occupazione dei posti in terapina intensiva mentre nei reparti di Medicina Covid è al 18%. 

Anche nei reparti di terapia Intensiva in Puglia è stata superata la soglia critica di occupazione dei posti letto, fissata al 10%, che decreta il passaggio in zona gialla. Secondo l'ultimo aggiornamento Agenas, il tasso di occupazione aggiornato a ieri sera è pari all'11% nelle terapie intensive, mentre nei reparti di Medicina Covid è al 18%, il limite è fissato al 15%.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA