Covid, +22% di contagi in una settimana. Peggiora anche l'indice
dei casi attualmente positivi: 141 su 100.000 abitanti

Sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica (pari al 5% su 15%) e in terapia intensiva, 5% su limite di 10%

Covid, +22% di contagi in una settimana. Peggiora anche l'indice dei casi attualmente positivi: 141 su 100.000 abitanti
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Dicembre 2021, 12:26 - Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre, 13:05

Casi covid in aumento in Puglia: in una settimana, secondo la Fondazione Gimbe, si è registrato un aumento del +22%. Di «impennata attesa» ha parlato il direttore del Dipartimento Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro, nel giorno in cui in Puglia, come in tutto il Paese, prende il via la campagna vaccinale per i bambini tra i 5 e gli 11 anni.

I dati della Fondazione Gimbe

In Puglia, nella settimana dall'8 al 14 dicembre, si è registrato un nuovo rilevante aumento dei contagi Covid, +22,7% rispetto a sette giorni prima. Lo rileva il monitoraggio della fondazione Gimbe. Peggiora anche l'indice relativo ai casi attualmente positivi ogni 100.000 abitanti, salito a 141. Nonostante la ripresa della pandemia, sono sempre sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica, pari al 5% mentre il limite è 15%, e in terapia intensiva, 5% mentre il limite è del 10%, occupati da pazienti positivi al virus.

Terza dose in Regione

Intanto la Puglia ha recuperato il ritardo accumulato a cavallo tra ottobre e novembre sulla somministrazione della terza dose anti Covid: secondo il report della fondazione Gimbe, ad oggi il tasso di copertura è del 62,8% contro una media italiana del 61,4%. Nelle scorse settimane la Puglia è stata anche penultima in classifica, oggi invece è nona. La percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale con prima e seconda dose è salita all'80% (media Italia 77,6%), a cui va aggiunto un ulteriore 2,7% (media Italia 2,9%) solo con prima dose.

Il commento di Montanaro del dipartimento Salute Regione Puglia

«Era attesa l'impennata di contagi Covid» anche in Puglia, «speriamo di tenerla sotto controllo. Per ora all'impennata di casi corrisponde un numero davvero poco rilevante di ricoveri, questo è molto importante. Non dimentichiamo che in Puglia stiamo facendo circa 30mila tamponi al giorno, l'incidenza è al di sotto della media nazionale, siamo attorno al 2,2% mentre quella nazionale è intorno al 6%», ha detto il direttore Montanaro.

Sui primi casi Omicron in Puglia, Montanaro rassicura: «Basta porre in essere le misure che l'Iss e il comitato scientifico ci hanno comunicato, noi siamo molto attenti. I dipartimenti di prevenzione hanno sviluppato una capacità di tracciamento e circoscrizione del rischio che sta dando grandi risultati».

Infine una battuta anche sull'avvio della campagna vaccinale per i bambini: «Questa fascia di età - ha detto Montanaro - inconsapevolmente è veicolo del virus, quindi un pericolo per genitori e per i nonni, soprattutto in questo periodo in cui presumibilmente si starà in famiglia. Ecco perché è importante che i bambini siano vaccinati. L'adesione credo sia buona per l'inizio, oggi stiamo facendo una verifica del numero delle scuole e del numero tendenziale delle adesioni delle famiglie in modo da orientare le azioni nei prossimi giorni per convincere i genitori che le vaccinazioni dei bimbi sono importanti quanto quelle degli adulti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA