Covid, ancora su i contagi: 1.134 nuovi casi e 2 morti. Gimbe: "In 7 giorni +57.6% di positivi in Puglia”

Giovedì 23 Dicembre 2021

Contagi sopra quota mille in Puglia: dopo il picco dei 952 casi registrati ieri, oggi il bollettino regionale riporta un nuovo record: 1.134 nuovi positivi nelle ultime 24 ore (182 casi in più rispetto a mercoledì), a fronte di 40.705 tamponi effettuati. Stabile il tasso di positività che anche oggi si attesta al 2.8% ma si registrano altri due morti.

I numeri dei contagi in Puglia

Numeri che confermano come il virus abbia ripreso la sua corsa anche in Puglia, spinto dalla variante Omicron. La provincia di Bari resta quella con il maggior numero di nuovi casi: 354. Segue la provincia di Lecce con 223 nuovi positivi in 24 ore.  A Foggia il numero dei nuovi contagi si attesta 158 casi, segue la provincia di Brindisi con 147 casi, la Bat con 136 casi e 87 sono quelli rilevati nel Tarantino. Il numero degli attualmente positivi sale dunque a quota 9.004. Stabile l'andamento dei ricoveri: nei reparti di area non critica attualmente sono ricoverate 166 persone (5 in meno rispetto a mercoledì) e in terapia intensiva i posti letto occupati da pazienti Covid sono 26 (1 in più rispetto a ieri). 7

L'allerta di Gimbe: +57.6% di nuovi positivi in 7 giorni

Nella settimana dal 15 al 21 dicembre, secondo la rilevazione della Fondazione Gimbe, c'è stato un incremento del 57.6% rispetto a sette giorni prima. In peggioramento l'indice dei casi attualmente positivi per 100mila abitanti, salito a 195; nonostante tutto negli ospedali resta sotto soglia di saturazione l'occupazione dei posti letto in area medica, pari al 6%, e in terapia intensiva, 4%. 

Lopalco: «Omicron si espande, non vaccinarsi è rischioso»

«Con l'espandersi della variante Omicron c'è la certezza che aumenta paurosamente la possibilità di infettarsi». È la sintesi del messaggio che lancia su Facebook il professore Pier Luigi Lopalco, per invitare gli indecisi a vaccinarsi contro il Covid. «Si definisce fence sitter. Chi siede sulla staccionata ed aspetta per decidere da che parte andare. Essere eternamente indeciso - scrive l'ex assessore regionale alla Sanità - ed aspettare a prendere una decisione, per vedere cosa fanno gli altri, è un tipico atteggiamento di molti che ancora non sono vaccinati. Con la scusa che il vaccino è nuovo, che non si sa quanto protegga dalle varianti, ondata dopo ondata queste persone corrono rischi sempre più alti». «Dico all'indeciso: c'è una certezza che si avvicina con l'espandersi della variante Omicron - conclude Lopalco - ed è la certezza che la probabilità di infettarsi aumenta paurosamente. Davvero pericoloso restare seduti sulla staccionata».

Ultimo aggiornamento: 24 Dicembre, 13:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA