Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bagno di folla per Meloni a Bari. E lei attacca Emiliano: «Guarda Stalingrado». Il video

Bagno di folla per Meloni a Bari. E lei attacca Emiliano: «Guarda Stalingrado». Il video
4 Minuti di Lettura
Sabato 17 Settembre 2022, 22:12 - Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 19:58

Ha attaccato Emiliano, ha risposto sulle parole di qualche giorno fa, ha parlato del Sud e soprattutto ha fatto un bagno di folla: Giorgia Meloni fa il pieno di entusiasmo con il proprio elettorato in piazza a Bari, nella roccaforte del centrosinistra pugliese. «Emiliano mi ha chiamato difendendo quello che aveva detto e quindi gli ho risposto che non avevamo nulla da dirci. Continuo a considerare vergognose le parole di Michele Emiliano». Lo ha detto a Bari la leader di FdI, Giorgia Meloni, commentando le parole del presidente della Regione Puglia che riferendosi alla destra ha detto «La Puglia è la Stalingrado d'Italia, qualunque cosa accada da qui non passeranno, gli faremo sputare sangue». «Sono contenta che stasera alla Stalingrado d'Italia le hanno dato libera uscita» ha detto poi parlando dal palco mentre il pubblico intonava «Chi non salta Emiliano è». «Ho già commentato le parole indegne dette sul "gettare sangue", se le avessi dette io sarebbero arrivati i caschi blu. Questa sarà la Stalingrado d'Italia indipendentemente da come andranno le elezioni, perché a loro di quello che dicono i pugliesi non frega niente, considerano le istituzioni roba loro. Le abbiamo viste le telefonate agli amici e i concorsi ballerini, gestendo la Regione come se fosse cosa vostra. E allora si capisce perché sono così nervosi». Alla fine, salutando la piazza colma di persone, tra le bandiere sventolanti e in sottofondo l'inno d'Italia, ha urlato «Michele Emiliano guarda Stalingrado».

«Speriamo sia femmina»

Tra la folla uno striscione: speriamo sia femmina. Frase che la leader di Fratelli d'Italia ha commentato dal palco dicendo: «bellissimo questo striscione». Salutando la piazza si è detta «pronta a guidare il governo se voi lo deciderete. Un governo di persone libere, orgogliose che amano l'Italia». Ma ha avvertito: «Non abbiamo ancora vinto niente, il 25 si decide, quindi si combatte fino alla fine, non vi distraete che quegli altri sono militari, il 25 a votare bisogna andarci».

«Il Sud ha il clima ideale per le rinnovabili»

«Noi oggi abbiamo un grande problema di approvvigionamento energetico, però abbiamo un vantaggio rispetto ad altri, i gasdotti del Mediterraneo arrivano nel Sud Italia, il Sud, lo vediamo oggi, con questo vento, ha un clima fantastico per tutte le rinnovabili. Investendo al meglio sia le risorse del Pnrr sia altre risorse, se decidiamo di fare questa scelta strategica che secondo me va fatta, noi possiamo far diventare il Sud Italia l'hub di approvvigionamento energetico dell'intera Europa». E sul tacco d'Italia, Giorgia Meloni spiega: «I programmi per la Puglia sono i programmi che abbiamo per rilanciare il Mezzogiorno di Italia che io credo - ha aggiunto - abbia grandi occasioni e grandi opportunità sia grazie al Pnrr sia nell'ambito di una situazione che è molto complessa che però può rappresentare un'occasione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA