Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, l'allarme di Coldiretti: «Al porto di Bari non arrivano più navi di grano per pane e dolci. A rischio anche l'export pugliese»

Ucraina, l'allarme di Coldiretti: «Al porto di Bari non arrivano più navi di grano per pane e dolci. A rischio anche l'export pugliese»
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Febbraio 2022, 14:23 - Ultimo aggiornamento: 16:13

«I prezzi del grano hanno raggiunto il massimo da 14 anni dopo che l'esercito ucraino ha sospeso le spedizioni commerciali nei suoi porti alimentando il timore di interruzioni delle forniture di grano tenero, mais e semi oleosi, con il rischio che anche la guerra dei dazi e dei blocchi delle forniture sia pagata da imprese e consumatori». È quanto afferma Coldiretti Puglia, in riferimento allo stop degli scambi commerciali con l'Ucraina, sottolineando che «al porto di Bari non arrivano più navi di grano tenero, per fare pane e dolci, e il mais per l'alimentazione degli animali, con l'export pugliese di prodotti agroalimentari a rischio, quando nel 2021 (dati provvisori) valeva quasi 44 milioni di euro, secondo i dati Istat Coeweb».

In Puglia scaffali vuoti. Nei supermercati mancano i prodotti freschi: rischio paralisi

«Siamo deficitari ed importiamo addirittura il 64% del fabbisogno di grano per la produzione di pane e biscotti - spiega Savino Muraglia, presidente Coldiretti Puglia - e il 53% del mais di cui ha bisogno per l'alimentazione del bestiame, perché l'Ucraina è il nostro secondo fornitore di mais con una quota di poco superiore al 20% ma garantisce anche il 5% dell'import nazionale di grano».

Ucraina-Russia, il conflitto e i riflessi sulla Puglia

L' Ucraina - conclude la Coldiretti regionale - ha un ruolo importante sul fronte agricolo con la produzione di circa 36 milioni di tonnellate di mais per l'alimentazione animale (5ø posto nel mondo) e 25 milioni di tonnellate di grano tenero per la produzione del pane (7ø posto al mondo) mentre la Russia è il principale Paese esportatore di grano a livello mondiale. L'aumento di mais e soia sta «mettendo in ginocchio gli allevatori pugliesi che devono affrontare aumenti vertiginosi dei costi per l'alimentazione del bestiame (+40%) e dell'energia (+70%) a fronte di compensi fermi su valori insostenibili».

Ucraina-Russia, il conflitto preoccupa il sistema dell'economia in Puglia: a rischio il grano da importare

«Con il crack delle stalle causato dall'aumento vertiginoso dei costi di produzione che mettono a repentaglio l'approvvigionamento dei mangimi per gli animali, serve un sostegno economico della Regione Puglia per dare liquidità agli allevatori e garantire la sopravvivenza stessa degli allevamenti», aggiunge Pietro Piccioni, direttore Coldiretti Puglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA