Covid, in Puglia 40 morti. Peggiora il rapporto positivi/tamponi: un caso ogni 4 test, il 77% tra Foggia, Bat e Bari. Respira il Salento: appena 16 nuovi contagi

Lunedì 23 Novembre 2020

Su 3.869 tamponi per individuare l'infezione da Covid-19 coronavirus, sono stati registrati 980 casi positivi: 404 in provincia di Bari, 187 nella provincia BAT, 168 in provincia di Foggia, 139 in provincia di Taranto, 66 in provincia di Brindisi e solo 16 in provincia di Lecce. Tre casi sono riferiti a residenti fuori regione; 3 casi di residenza non nota sono stati riclassificati ed attribuiti. 

LEGGI ANCHE: Virus nell'aria, Lecce zona covid free. Rischi solo in caso di assembramenti

Sono stati registrati 40 decessi: 20 in provincia di Bari, 18 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Taranto (qui il bollettino integrale).

I numeri di oggi segnalano un crollo verticale dei test effettuati: mai così pochi nell'ultimo mese. Il dato dei nuovi casi di positività non tragga in inganno: va infatti tenuto d'occhio il rapporto tra nuovi casi e test effettuati, e questo rapporto non è stato mai così alto come oggi, neppure nelle fasi acute della prima ondata. Di fatto è pari al 25,3%: vuol dire che ogni quattro tamponi uno risulta positivo al coronavirus. Dei nuovi casi registrati nel bollettino di oggi, il 77,3% è concentrato nell'area nord della regione, tra le province di Foggia, Bat e Bari.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 723.172 test; 11.288 sono i pazienti guariti; 31.979 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 44.487, così suddivisi:

  • 17.296 nella provincia di Bari;
  • 5.020 nella provincia di Bat;
  • 3.061 nella provincia di Brindisi;
  • 10.336 nella provincia di Foggia;
  • 3.404 nella provincia di Lecce;
  • 5.059 nella provincia di Taranto;
  • 309 attribuiti a residenti fuori regione,
  • 2 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 09:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA