Proscioglimento dell'assessora Maurodinoia, le motivazioni: "Amicizie inopportune, ma nessun reato"

Proscioglimento dell'assessora Maurodinoia, le motivazioni: "Amicizie inopportune, ma nessun reato"
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Marzo 2022, 16:58 - Ultimo aggiornamento: 20:45

Tra l'assessora regionale ai Trasporti Anita Maurodinoia, il marito Alessandro Cataldo e gli imprenditori Partipilo che avevano ottenuto appalti con l'ex Provincia di Bari quando l'assessora era vicepresidente, tra il 2011 e il 2021, è emersa «l'esistenza di relazioni amicali assolutamente inopportune che, tuttavia, non superano la soglia del fondato sospetto in merito al loro coinvolgimento» in vicende corruttive, «difettando la prova di un collegamento tra le regalie o utilità erogate e gli affidamenti aggiudicati dalle imprese riconducibili a Partipilo, tale da rendere sostenibile l'accusa di corruzione».

Assessori, dirigenti e manager: ecco l'esercito degli indagati "nominati" da Emiliano

È la motivazione alla base del proscioglimento di Maurodinoia e degli altri imputati per questa vicenda, nell'ambito dell'udienza preliminare che si è conclusa ieri dopo cinque anni su presunti episodi di corruzione, falso, frode in pubbliche forniture, turbativa d'asta e truffa ai danni dell'ex Provincia di Bari. L'assessora e il marito erano accusati di corruzione per aver ottenuto - riteneva la Procura - l'esecuzione gratuita di lavori in casa e forniture di generi alimentari da parte degli imprenditori Partipilo in cambio dell'affidamento di appalti. Maurodinoia e altri 19 imputati sono stati prosciolti anche da tutte le altre accuse di vicende corruttive e truffe perché ormai prescritte. Il giudice ha inoltre prosciolto nel merito dal reato di corruzione, per non aver commesso il fatto, anche l'ex dirigente provinciale Cataldo Lastella, rinviato però a giudizio per falso.

Peculato, assolto dalle accuse il consigliere regionale Vizzino. «Anni di sofferenza»

© RIPRODUZIONE RISERVATA