“Bandiere verdi”, in Puglia sempre più spiagge a misura di bimbo

Venerdì 1 Aprile 2016
Acqua limpida e bassa vicino alla riva, sabbia pulita, bagnini, giochi colorati, spazi per cambiare il pannolino o allattare, e la presenza nelle vicinanze di gelaterie, locali per l'aperitivo e ristoranti. Ecco l'identikit delle spiagge italiane promosse dai pediatri, che quest'anno aumentano. Sono infatti 134 le località che hanno ottenuto la “Bandiera verde 2016”. Perle nella mappa del mare italiano under 18 e la Puglia rispetto alle 8 del 2015 fa manbassa con:

Fasano (Brindisi), Gallipoli (Lecce), Ginosa - Marina di Ginosa (Taranto), Ostuni (Brindisi), Otranto (Lecce), Polignano a Mare - Cala Fetente - Cala Ripagnola - Cala San Giovanni (Bari), Porto Cesareo (Lecce), Rodi Garganico (Foggia), Vieste (Foggia), Marina di Pescoluse (Lecce), Marina di Lizzano (Taranto) e Melendugno (Lecce).


La ricetta per una località di mare ideale i bambini più piccoli prevede dunque: «Sabbia meglio di sassi e rocce, un po' di spazio fra gli ombrelloni per giocare, acqua che non diventi subito alta in modo che possano immergersi in sicurezza». I pediatri hanno sempre privilegiato le spiagge attrezzate ove ci fosse la presenza degli assistenti di spiaggia, indispensabili per intervenire in caso di emergenza, e questo anche «per la garanzia di pulizia, perciò sicurezza, e per la presenza anche di un bar che possa rispondere alle varie esigenze dei bambini, per esempio per lo spuntino di metà mattinata, la merenda, oppure anche per scaldare latte o altri pasti per i più piccini». © RIPRODUZIONE RISERVATA