Le dichiarazioni no vax del candidato tarantino imbarazzano Calenda e Renzi: «Il Covid? È una truffa»

Le dichiarazioni no vax del candidato tarantino imbarazzano Calenda e Renzi: «Il Covid? È una truffa»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Agosto 2022, 16:18

Dichiarazioni no vax e un filo di imbarazzo da parte dei piani alti del terzo polo. Circolano con insistenza sui social i post pubblicati qualche tempo fa da Angelo Di Lena, candidato alla Camera dei Deputati con Italia Viva e Azione. Consigliere comunale a Pulsano (nel Tarantino) e consigliere dell'Unione dei comuni del versante orientale della Provincia di Taranto, si era espresso più volte sul "nuovo ordine mondiale" e sul covid, definito "una truffa". «Quella del Coronavirus - scriveva nell'aprile 2020 - è una grande truffa. Si tratta di un’epidemia dichiarata che non miete – come le vere epidemie – masse indistinte di persone, ma che invece uccide in massa i diritti di libertà e la dignità di tutti, imponendo un punto di vista univoco che vieta agli individui di autodeterminarsi e abituando la popolazione ad accettare come normalità la sospensione dei propri diritti inalienabili. Le persone che sono purtroppo decedute per questa combinazione di spazzatura metabolica e a causa di questa strage di stato vengono inoltre usate in maniera strumentale dal governo e dagli organi di propaganda tutti allineati, spaventati e agli ordini di questo terrorismo sanitario».

La posizione di Italia Viva e Azione

I post, con gli screenshot dell'epoca, hanno fatto il giro del web, finendo anche su diverse testate nazionali. Di Lena in passato era stato anche vicino alla Lega, quello che adesso si chiedono i commentatori dei social è piuttosto chiaro: cosa ne pensa di tutto ciò la dirigenza di Azione? Del resto non è un mistero la posizione su covid, no vax e vaccini, di Azione e Italia Viva. Evidentemente contraria rispetto a quanto scriveva pochi mesa fa Di Lena.

© RIPRODUZIONE RISERVATA