Coldiretti: «Troppo caldo, la frutta brucia sugli alberi. Compromesso il raccolto delle ciliegie»

Coldiretti: «Troppo caldo, la frutta brucia sugli alberi. Compromesso il raccolto delle ciliegie»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 10:08

«Dalle ciliegie alle pere, dalle albicocche alle angurie, il caldo torrido con temperature oltre i 40 gradi e un vento rovente che sembra uscire da un gigantesco asciugacapelli sta bruciando la frutta sugli alberi con perdite fino al 15%». È quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti sugli effetti della bolla di calore che sta avvolgendo l'Italia con bolino rosso per 19 città, mentre la siccità assedia i campi.

In Puglia a rischio le ciliegie

«Uno scenario drammatico - scrive l'associazione - che coinvolge diverse parti del territorio nazionale da nord a sud con danni alle ciliegie in Puglia ed Emilia Romagna, angurie e meloni e scottati dal caldo in Veneto, pere e albicocche rovinate nel Ferrarese, barbatelle bruciate che perdono le foglie nei vigneti toscani attorno a Firenze, pesche soffocate dalla calura che cadono dai rami prima di riuscire a svilupparsi completamente e giovani ulivi in stress idrico». «Dove è possibile in alcune aree del Paese gli agricoltori - precisa la Coldiretti - sono ricorsi alle irrigazioni di soccorso per salvare le coltivazioni più in sofferenza, anche se in alcune zone gli agricoltori si ritrovano sugli alberi la frutta addirittura cotta dal sole e dalla bolla di aria torrida. Una situazione che fa salire a tre miliardi il conto dei danni provocati nel 2022 all'agricoltura italiana dalla siccità e dall'eccezionale ondata di calore dopo che l'anno scorso a causa di eventi estremi l'Italia aveva già detto addio a 1 frutto su 4 della propria produzione nazionale. E a preoccupare è anche l'ondata di maltempo al Nord Italia con le grandinate che colpiscono i raccolti».

«Siamo di fronte anche in Italia - sottolinea la Coldiretti - alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione con il rapido e traumatico passaggio dal maltempo al caldo africano con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA