Puglia agricola, la Cia: «Shock dei costi di produzione: +50% su mangimi e bollette»

Mercoledì 1 Settembre 2021 di Paola COLACI

Mangimi, gasolio, bollette di luce e acqua e persino i trasporti: negli ultimi 12 mesi in Puglia i prezzi delle materie prime a carico degli agricoltori sono aumentati dal 25% al 50%. E non risparmio nessun settore. Un conto salato che neppure l’aumento dei prezzi di vendita di pomodoro e grano registrati nelle ultime settimane è riuscito a pareggiare. E a fronte di questo “shock” al rialzo sui costi di produzione, dal Salento alla Capitanata...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA