La Merkel sul luogo della strage: «Preghiamo per le vittime. Questo è il momento della paura»

La Merkel sul luogo della strage: «Preghiamo per le vittime. Questo è il momento della paura»
3 Minuti di Lettura
Martedì 20 Dicembre 2016, 11:09 - Ultimo aggiornamento: 15:27
Angela Merkel è andata sulla Breitscheidplatz, dove ieri è stata compiuta la strage con il tir, e ha deposto dei fiori. La cancelliera è accompagnata, tra gli altri, dai ministri di Interno e Estero, Thomas de Maizière e Frank-Walter Steinmeier e dal sindaco di Berlino Michael Mueller. Dopo aver deposto un fascio di fiori, Merkel e gli altri esponenti politici si sono raccolti in un minuto di silenzio. Poi, al riparo dai cronisti, le autorità si sono intrattenute con gli uomini dei soccorsi che ancora operano sulla piazza, i quali hanno illustrato le dinamiche dell'attacco di ieri sera. Le telecamere delle tv all-news tedesche stanno seguendo la scena in diretta. Sulla piazza, fin da questa mattina, berlinesi e turisti stanno depositando fiori e candele. Dominano commozione e silenzio.

«Questo è un giorno molto difficile, ma non vogliamo far fermare dalla paura anche se queste sono ore di paura per il nostro Paese», aveva detto poco prima la cancelliera tedesca Angela Merkel. Aveva spiegato che si desume che sia trattato di un attentato terroristico e che l'attentatore aveva chiesto asilo in Germania. E ancora: «So che per noi tutti sarebbe particolarmente difficile da tollerare se si confermasse che a compiere questo atto è stata una persona che ha chiesto protezione e asilo in Germania. Ma noi continueremo a sostenere le persone che chiedono di integrarsi nel nostro paese - ha aggiunto - Presto farò un vertice per avere ulteriori dettagli su quanto accaduto ieri sera e soprattutto per risolvere il prima possibile l'inchiesta. Tutti ci chiediamo, io compresa, come sia potuto accadere una cosa del genere. So soltanto che non possiamo e non vogliamo che le vite dei nosti cittadini siano in pericolo». 

Il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker «ha chiamato ieri sera la cancelliera tedesca Angela Merkel per esprimere le proprie condoglianze» dopo l'attentato che ha colpito un mercatino natalizio ieri sera a Berlino. Lo ha detto la vice portavoce capo della Commissione Mina Andreeva, durante il briefing con la stampa a Bruxelles.  «I miei pensieri e quelli dell'intera Commissione Europea - ha detto Juncker in una dichiarazione scritta - vanno alle famiglie, ai parenti e a tutti coloro che sono stati uccisi o feriti a Berlino. Questa notizia è ancora più devestante, perché la gente si era radunata per celebrare la stagione natalizia, che molti associano alla tranquillità e alla pace. Siamo uniti con le vittime in un profondo dolore».
© RIPRODUZIONE RISERVATA