Vaccino Covid, la mossa dell’Europa: «Chiediamo agli Usa le dosi di AstraZeneca»

Vaccino Covid, la mossa dell Europa: «Chiediamo agli Usa le dosi di AstraZeneca»
​Vaccino Covid, la mossa dell’Europa: «Chiediamo agli Usa le dosi di AstraZeneca»
di Gabriele Rosana
3 Minuti di Lettura
Domenica 7 Marzo 2021, 00:38

I vaccini potrebbero fornire il primo banco di prova per la ritrovata cooperazione transatlantica fra Europa e Stati Uniti. Bruxelles sta infatti guardando a Washington per uscire dall’impasse nella somministrazione dei farmaci anti-Covid nella Ue e, in particolare, per recuperare i ritardi nelle consegne da parte di AstraZeneca. La Commissione europea è in pressing sulla Casa Bianca per convincerla a revocare il divieto all’export dei vaccini almeno rispetto alle milioni di dosi dell’azienda anglo-svedese prodotte su suolo americano: dirottarle in Europa contribuirebbe a dare uno slancio alla campagna nel Vecchio continente. La Ue vuole anche assicurarsi che le regole Usa non impediscano la fornitura delle componenti necessarie per la produzione di vaccini in Europa, in particolare quelli, come Pfizer e Moderna, che utilizzano tecnologie innovative.

Varianti Covid, identificata a Varese variante "rarissima": «Solo un altro caso al mondo»

I contatti fra le due sponde dell’Atlantico sono già avviati: venerdì sera c’è stata la prima telefonata tra il leader Usa Joe Biden e la presidente della Commissione Ursula von der Leyen («Abbiamo un comune interesse a lavorare insieme per il buon funzionamento della catena globale di approvvigionamento dei vaccini», si legge in una nota), mentre per domani è atteso un confronto fra Thierry Breton, il commissario Ue all’Industria che da un mese è a capo della task force incaricata del rafforzamento delle capacità produttive dei vaccini, e la sua controparte Usa Jeffrey Zients, lo zar anti-Covid dell’amministrazione Biden.

Lockdown e zona rossa, Cts al governo: «Misure più dure dove si chiudono le scuole»

La richiesta di Bruxelles però, sarà sollevata soltanto in uno dei prossimi faccia a faccia. «Confidiamo di poter collaborare con Washington per fare in modo che siano rispettati gli obblighi contrattuali fra Ue e case farmaceutiche relativi alla produzione e al confezionamento di vaccini negli Stati Uniti», il commento dell’esecutivo europeo riportato dal Financial Times. Il riferimento è alle fiale di AstraZeneca prodotte nello stabilimento Catalent nel Maryland, uno dei tre impianti finora autorizzati dall’Ema, l’Agenzia europea del farmaco. A differenza del regolatore Ue, la Food and Drug Administration, l’ente a stelle a strisce, non ha infatti ancora dato il via libera all’utilizzo del vaccino. Per ora, però, il governo americano ha sempre detto che le fiale AstraZeneca prodotte negli Stati Uniti saranno usate per soddisfare la domanda interna (300 milioni quelle già opzionate), in linea con l’ordine esecutivo di divieto alle esportazioni firmato a dicembre da Trump.

Da parte sua, AstraZeneca ha confermato che intende rispettare la consegna all’Ue di 40 milioni di dosi entro marzo - un obiettivo dimezzato rispetto a quello iniziale - e che le nuove forniture previste nel prossimo trimestre arriveranno anche da stabilimenti extra-Ue.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA