Super green pass, multe e regole: serve anche in zona arancione per uscire dai Comuni. Cosa cambia da lunedì

Se non si esibisce il pass giusto si rischia di pagare dai 400 ai 1000 euro

Super green pass, multe e regole: cosa cambia da lunedì (e la differenza con il vecchio certificato)
Super green pass, multe e regole: cosa cambia da lunedì (e la differenza con il vecchio certificato)
di Stefania Piras
6 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Dicembre 2021, 10:54 - Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre, 20:47

Cosa cambia da lunedì? Da lunedì 6 dicembre e fino al 15 gennaio 2022 il Green pass diventa un super Green pass o Green pass rafforzato. Che vuol dire? Che verrà rilasciato solamente ai vaccinati e ai guariti dal Covid e non ai "tamponati". Diventa, dunque, un documento diverso (più utile: è un vero e proprio Passepartout) dal Green pass base che usiamo oggi e che possono scaricare anche le persone che non si sono vaccinate. In zona arancione il Super Green pass diventa l'unico modo per spostarsi e uscire dal proprio Comune.

Il Green pass base rimane, quindi, ma darà accesso a meno servizi e, novità molto importante, diventa obbligatorio per salire su un treno o su un autobus: si è più tagliati fuori dalla vita sociale e dalla convivialità. Un esempio? Con il Green Pass base non si può andare al cinema e al teatro, allo stadio o partecipare ad altri eventi sportivi, mangiare al ristorante al chiuso senza limiti di commensali al tavolo e quindi con tavolate di più di 4 persone, partecipare a feste, e cerimonie pubbliche, andare in discoteca.

 

Variante Omicron, vacanze di Natale e Capodanno: regole e quarantene, cosa cambia

Con questa espressione "Green pass rafforzato", "Super Green pass", "Green pass ristretto", e con un apposito decreto, si intende rafforzare il certificato verde come strumento fondamentale per continuare a fruire di servizi e del proprio tempo libero in sicurezza. Dunque, da lunedì bisognerà tenere più spesso a portata di mano la foto scaricata dal cellulare o il foglio dove abbiamo stampato il codice Qr, insomma il certificato che ora dobbiamo esibire per mangiare all'interno dei ristoranti o per seguire eventi al chiuso. Il Green pass sarà fondamentale per il tempo libero.

Bisogna scaricare un nuovo codice in vista di lunedì? Chi possiede già un Green pass per vaccinazione o guarigione non deve scaricare una nuova certificazione. Chi ha ottenuto un Green pass attraverso l'esecuzione sistematica di un tampone, invece, può: continuare a fare i test ogni 2/3 giorni (ma ha una gamma di attività sociali e ricreative decisamente ristretta) o vaccinarsi. 

E allora cosa si può continuare a fare con un Green pass base? E quindi con un tampone che dura 48 ore? Si può mangiare all'aperto, andare al lavoro (ma per alcune categorie è previsto l'obbligo vaccinale), e diventa obbligatorio per accedere ai trasporti pubblici come treni, aerei e traghetti ma anche metropolitane e autobus.  Si può andare a nuotare in piscina e fare sport in palestra (ma attenzione: se la regione passa in zona gialla serve il Green pass rafforzato).

In prospettiva la combinazione di zone a colori e doppia certificazione azionano un freno d'emergenza che ha l'obiettivo di contenere i contagi e dare una continuità economica e sociale al Paese. Per capire l'importanza del nuovo decreto basta osservare le restrizioni previste nel caso scattino le soglie di allerta che si traducono nelle zone a colori.

In zona arancione la vita di chi possiede solo un Green pass base diventa molto difficile. Non si può uscire dal proprio Comune di residenza, se non per motivi di lavoro, necessità, urgenza (mentre chi ha un super Green pass può). Non si può mangiare in un ristorante ma si può solo prendere un piatto d'asporto. Non può andare in palestra o in piscina, non può andare al cinema. Non può sciare, non può accedere a fiere o convegni, non può andare alle terme e nemmeno visitare un parco a tema o un parco divertimenti. 
 

Il vaccino diventerà obbligatorio? Cosa accade in Europa: favorevoli Austria, Grecia​ e Germania

Multe (nei luoghi di lavoro è più alta)

Bar e locali

Cosa si rischia se non si esibisce il Green pass giusto? Multe salate: da 400 a 1000 euro per chi accede a spettacoli, ristoranti, bar senza il certificato verde rafforzato. Stessi importi per chi non controlla se il cliente era munito del Green pass rafforzato. E se gli esercenti dimostrano di non controllare in modo puntuale scatta anche la chiusura del locale per dieci giorni: bastano tre multe.
 

Bus e metro

La sanzione scatta pure per chi prende mezzi pubblici senza il Green pass base. La applicazione di verifica che legge i Qr code è in corso di aggiornamento e potrà selezionare una delle due modalità: quindi chi controlla potrà verificare la validità del Green pass. 

Luoghi di lavoro

Il Green pass rafforzato non è necessario per entrare nel luogo di lavoro dove, invece, è obbligatorio esibire il Green pass base e quindi essersi sottoposto a tampone molecolare o antigenico. Il primo dura 72 ore e consente di entrare al lavoro per 3 giorni di seguito poi va ripetuto, il secondo ha una validità di 48 ore (si può entrare per due giorni di fila al lavoro). Chi controlla? Le verifiche si fanno all'ingresso, ma anche a campione, e chi non verifica rischia dai 400 ai 1.000 euro.  Chi è pizzicato senza Green pass base rischia la sospensione o una sanzione amministrativa dai 600 ai 1.500 euro. 

Super Green pass o Green pass base? Per alcuni lavori non si sceglie: ci si vaccina 

Sono i lavori a contatto con il pubblico che proprio per questo rischiano di aumentare i contagi e di "esportare" un virus più aggressivo a una persona più fragile e meno corazzata dal punto di vista immunitario. Per questo il decreto che istituisce il super Green pass estende l'obbligo vaccinale. A quali categorie?

- personale scolastico: dai presidi agli insegnanti e ai collaboratori scolastici.

- personale della Difesa, del comparto sicurezza e soccorso pubblico, della polizia locale, dei servizi segreti

- personale sanitario

- personale che svolge a qualsiasi titolo la propria attività lavorativa alle dirette dipendenze del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria o del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità, all’interno degli istituti penitenziari per adulti e minori. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA